Email Facebook Twitter
NEWS

26/04/2018
Osservatorio sul festival Ipercorpo: aperte le iscrizioni


20/03/2018
Direction Under 30: aperto il bando per candidarsi


20/03/2018
Planetarium ai festival di teatro-ragazzi


19/03/2018
Teatro e giovani generazioni: un incontro-dibattito a Castelfiorentino


10/11/2017
Performing Gender: gran finale a Bologna


08/11/2017
Master in Imprenditoria dello spettacolo 17-18, Università di Bologna


07/11/2017
Con occhi nudi: un itinerario al femminile


05/11/2017
Lettera 22. Premio giornalistico nazionale di critica teatrale under 36


04/09/2017
Cornice Aperta. Aperitivo con gli artisti del Festival Danza Urbana


19/05/2017
Maggio all'infanzia, dal 17 al 21 maggio a Bari


04/05/2017
Ivrea Cinquanta – Mezzo secolo di Nuovo Teatro in Italia 1967 – 2017. Genova, 5-7 maggio


29/03/2017
Un teatro in mezzo ai campi: 8 aprile con le Ariette


24/03/2017
''La formazione del nuovo pubblico'': un convegno sabato 25 marzo ad Albenga


28/02/2017
“Comizi d’amore”, open call per registi/drammaturghi e attori under 35 di Kepler-452


11/01/2017
La cultura nell'economia italiana: il 13 gennaio un convegno a Bologna


05/12/2016
Impertinente Festival: il teatro di figura a Parma, dal 7 all'11 dicembre


07/10/2016
Master in imprenditoria dello spettacolo, Bologna, anno accademico 2016-2017


23/09/2016
Infanzia e città a Pistoia, dal 24 settembre al 5 novembre 2016


03/09/2016
Dalla Cultura alla Scuola: ''Cosa abbiamo in Comune'', il 7 settembre a Bologna


31/08/2016
Electro Camp – International Platform for New Sounds and Dance, a Forte Marghera dal 7 all'11 settembre


TWITTER

Download pdf


Drugs kept me alive di Jan Fabre

C’è un omino gracile e poco bello da vedere. È al centro del palcoscenico, circondato da centinaia di boccette di vetro. Contengono droghe, come non tardiamo a capire. L’omino comincia subito a decantarne le qualità come si fa con i detersivi in televisione, le ingurgita e ce ne manifesta gli effetti, danza e suda, si eccita e striscia sul pavimento. Drugs kept me alive di Jan Fabre ci mostra l’emarginazione di un compulsivo tossicodipendente attraverso la messa in scena della sua squallida solitudine. Non sappiamo se tale condizione sia volontaria o meno. Sappiamo solo che il performer Antony Rizzi gioca con le bolle di sapone, immagina amplessi, racconta storie sconce. La sua vita scorre monotona nella stessa stanza: tra un’iniezione e una pasticca, l’omino descrive le sue emozioni sintetiche e si abbandona agli istinti aizzati dal corpo drogato, agli orgasmi e ai bagni nella schiuma. Potremmo immaginare di dilatare i settanta minuti di spettacolo in intere giornate, e scopriremmo che le ore di quest’uomo imbottito di chimica ticchettano sempre uguali, senza differenze tra il giorno e la notte. Finché il suo fisico può contare su qualche sostanza, i bisogni primari come il cibo, il sonno e il sesso possono anche essere solo immaginati.



Drugs kept me alive non è un’analisi scientifica sugli effetti delle droghe artificiali in stile Huxley, né un’evocazione suggestiva dei mondi fittizi dipinti dagli stupefacenti, come è riuscito a fare il migliore Burroughs. Il lavoro di Fabre mette a nudo il lato estetico del tossico, quello del corpo deperito dalla dipendenza, gravido di sostanze fagocitate e poi vomitate, tenuto vivo dalle eccitazioni dei trip e dalle crisi di astinenza. Il protagonista non fa un uso “sociale” delle droghe, consumandole in compagnia, ma usufruisce del suo vasto catalogo di prodotti chimici nell’isolamento della propria stanza, solo con un po’ di musica techno per aiutarsi a scaricare l’adrenalina ballando in una danza tribale e frenetica, e insieme intima ed erotica.
Per il pubblico, Drugs kept me alive è una prova non facile. Per più di un’ora il protagonista si dimena nel suo sudore e parla solo di se stesso e delle sue esperienze ultrasensoriali, con discorsi ripetitivi che cominciano sempre dalla medesima domanda retorica: «Am I sick?», «Sono malato?». L’omino è tenuto in vita dalle sue sostanze ma è anche cosciente della morte che si avvicina. Tanto, quella arriva per tutti e chi non si droga non sa cosa si perde. «Ho salvato il mio corpo avvelenandolo», dice infatti il performer. Ho trovato emozioni profonde, distrazioni dall’apatia, alternative alla noia quotidiana. Ho scelto di immergermi in un’altra dimensione per rimanerci in eterno.



Ma anche se il testo è un’esplicita dichiarazione d’amore per gli stupefacenti artificiali, non bisogna prendere lo spettacolo di Jan Fabre come un inno alla droga. Lo struggimento del protagonista rimane sempre in primo piano, tanto da rendere naturale la compassione per il suo progressivo annientamento, con la stanza sempre più in tumulto e il corpo che deperisce e frana. L’intera performance si muove in questa ambiguità tra la bolla di protezione in cui si rifugia il tossico, che lo fa salire in un gradino di privilegiato distacco dai problemi della vita, e il suo disagio fisico che non ce ne fa invidiare fino in fondo la condizione. Sembra che Jan Fabre non voglia dare un giudizio sulla figura del drogato, e che lasci questa opinione al singolo spettatore. L’autore vuole solo farci capire che il tossicodipendente non è un essere emarginato né inferiore, ma è uguale a tutti gli altri uomini. Anche lui è dotato di un’elevata sensibilità: i racconti delle sue emozioni sono profondi, i suoi ragionamenti raffinati, i suoi desideri autentici. Anzi, i sentimenti di quest’uomo appaiono più veri dei nostri, poiché non si vergogna della sua omosessualità, si tocca gli organi genitali, parla delle sue erezioni di quattro ore, urina davanti al pubblico. Non è inibito e non ha filtri, proprio grazie all’alterazione delle droghe che gli aprono un mondo più sciolto e naturale. Questo paradosso porta a chiedersi che cosa si prova sotto l’effetto di quelle pasticche, come si fluttua dentro le bolle di sapone in cui si trova il protagonista, come ci si sente senza catene. E, soprattutto, se è vero che senza le emozioni sintetiche rimane solo la morte, intesa sia come apatia che come scomparsa del sé. In fondo, l’alterazione della coscienza è sempre stata una tendenza umana, e l’emarginazione legale e sociale delle droghe non significa che queste portino solo del male. L’ossessione del protagonista per la propria alterazione psicofisica è sul palcoscenico a dimostrarcelo: Jan Fabre è molto capace a restare in mezzo tra la condanna e l’esaltazione della tossicodipendenza, ma lo spettatore non può non uscire da teatro con una nuova ottica sulla condizione del drogato. Se l’opinione pubblica tendenzialmente rigetta gli stupefacenti come un problema individuale e sociale, Drugs kept me alive vuole ricordarci che essi possono essere una via di salvezza piena di ragioni, al pari di chi si rifugia dal pessimismo con l’arte, la lettura e ogni altra forma di sollievo.

Teatro Ermete Novelli di Rimini, sabato 9 marzo 2013

 


di Alex Giuzio


COMPAGNIE


IMMAGINI
 
   

LINKS

FESTIVAL

marzo-maggio 2018
Planetarium
Osservatorio sul teatro ragazzi

14 - 22 ottobre 2017
Vie Festival 2017
Laboratorio di critica e giornalismo

giugno 2017
Futuri Maestri
Laboratorio Futuri giornalisti

28-31 ottobre 2016
Crisalide
Perché passi un po' di caos libero e ventoso

ottobre 2016
Vie Festival 2016
Arti sceniche internazionali e italiane

22 settembre - 2 ottobre 2016
Contemporanea Festival 2016
Le arti della scena

ottobre 2015
Vie Festival 2015
Arti sceniche internazionali e italiane

1-4 ottobre 2015
Crisalide
Non è successo niente, è ciò che stiamo diventando

25 settembre - 4 ottobre 2015
Contemporanea Festival 2015
Le arti della scena

Febbraio - aprile 2015
Nelle pieghe del Corpo
Virgilio Sieni, Bologna

ottobre 2014 - marzo 2015
Festival Focus Jelinek
Festival per città

9-25 ottobre 2014
Vie Festival 2014 Modena___Emilia
Arti sceniche internazionali

10 - 20 luglio 2014
Santarcangelo · 14
Festival internazionale del teatro in piazza

12 - 21 luglio 2013
Santarcangelo · 13
Festival Internazionale del Teatro in Piazza

aprile 2013
Pinocchio della non-scuola
Immagini a cura di Osservatorio Fotografico, note a margine su Pinocchio

5-13 ottobre 2012
Tempo Reale Festival
Ricerche musicali contemporanee

14 - 23 luglio 2012
SANTARCANGELO •12
Festival internazionale del teatro in piazza

Primavera 2012
Vie Scena Contemporanea Festival
Arti sceniche internazionali

Marzo 2012
BilBolbul 2012
fumetto, illustrazione, disegno

ottobre 2011
Vie Scena Contemporanea Festival
Teatro internazionale a Modena, Carpi, Vignola e limitrofi

Settembre 2011
Arca Puccini - Musica per combinazione
Rock indipendente italiano e internazionale