Email Facebook Twitter
NEWS

26/04/2018
Osservatorio sul festival Ipercorpo: aperte le iscrizioni


20/03/2018
Direction Under 30: aperto il bando per candidarsi


20/03/2018
Planetarium ai festival di teatro-ragazzi


19/03/2018
Teatro e giovani generazioni: un incontro-dibattito a Castelfiorentino


10/11/2017
Performing Gender: gran finale a Bologna


08/11/2017
Master in Imprenditoria dello spettacolo 17-18, Università di Bologna


07/11/2017
Con occhi nudi: un itinerario al femminile


05/11/2017
Lettera 22. Premio giornalistico nazionale di critica teatrale under 36


04/09/2017
Cornice Aperta. Aperitivo con gli artisti del Festival Danza Urbana


19/05/2017
Maggio all'infanzia, dal 17 al 21 maggio a Bari


04/05/2017
Ivrea Cinquanta – Mezzo secolo di Nuovo Teatro in Italia 1967 – 2017. Genova, 5-7 maggio


29/03/2017
Un teatro in mezzo ai campi: 8 aprile con le Ariette


24/03/2017
''La formazione del nuovo pubblico'': un convegno sabato 25 marzo ad Albenga


28/02/2017
“Comizi d’amore”, open call per registi/drammaturghi e attori under 35 di Kepler-452


11/01/2017
La cultura nell'economia italiana: il 13 gennaio un convegno a Bologna


05/12/2016
Impertinente Festival: il teatro di figura a Parma, dal 7 all'11 dicembre


07/10/2016
Master in imprenditoria dello spettacolo, Bologna, anno accademico 2016-2017


23/09/2016
Infanzia e città a Pistoia, dal 24 settembre al 5 novembre 2016


03/09/2016
Dalla Cultura alla Scuola: ''Cosa abbiamo in Comune'', il 7 settembre a Bologna


31/08/2016
Electro Camp – International Platform for New Sounds and Dance, a Forte Marghera dal 7 all'11 settembre


TWITTER

Download pdf


Il risveglio delle maschere. Appunti su Pinocchio di Babilonia Teatri

Chi è Pinocchio se non il burattino di legno per eccellenza nell’immaginario popolare? La sua cornice ideale non può che essere il teatro, l’aveva capito anche il furbo Mangiafuoco: Pinocchio era la sua gallina dalle uova d’oro. Il mero fine di lucro del burattinaio inventato da Collodi si scontra invece con una scelta diversa operata da Babilonia teatri, cioè rendere la scena mezzo di comunicazione utile alla comprensione della realtà, rivolgendosi a un pubblico popolare che sia in grado di leggere ciò che vede, anche se a livelli diversi. Enrico Castellani e Valeria Raimondi  non muovono i fili di marionette per attrarre la platea ma lavorano insieme a tre attori  dell’associazione “Gli Amici di Luca”, non-attori come ama definirli Castellani, volontari con esiti di coma che si dedicano al teatro sfruttandone le qualità terapeutiche. Paolo Facchini, Luigi Ferrarini e Riccardo Sielli di Pinocchio conservano rigidità fisiche e nervose, conseguenza nefasta di un attimo beffardo del loro passato nel quale hanno fatto i conti con il buio dello stato di incoscienza. Le loro storie s’intrecciano con quelle del burattino più famoso grazie alle regia di Castellani.
Il corridoio del reparto Casa dei Risvegli dell’ospedale Bellaria si fa scena, e accoglie uno alla volta i corpi seminudi dei protagonisti. Il loro incedere è lento, faticoso, i loro movimenti sono farraginosi, trascinano con fatica il proprio vissuto e lo offrono al pubblico. Si dispongono uno vicino all’altro, in orizzontale, con lo sguardo rivolto al piano superiore del reparto, ove staziona il regista Castellani. Il pubblico non lo vede ma ascolta la sua voce che comunica con i tre protagonisti. Una delle immagini possibili che lo spettatore contempla è quella di tre uomini scampati alla morte, in attesa di sapere da qualcuno o qualcosa che sovrintende l’umana comprensione quando e come sarà possibile tornare alla vita. Il regista chiede loro di presentarsi, scandisce i loro cognomi ogni qualvolta li chiama in causa, li invita a raccontare perché somiglino più a maschere che a uomini e, come da copione, essi obbediscono, sono abituati ormai ai perimetri, ai paletti, ai “non posso”, “non posso più”.
Ferrarini,  a differenza degli altri, indossa delle bretelle di sicurezza simili a quelle utilizzate dagli alpinisti. È posizionato nel mezzo tra Facchini e Sielli, dei tre è sicuramente quello che ha riportato le disabilità maggiori, ma al contempo è anche quello che più degli altri mostra il proprio desiderio di libertà, di movimento, è colui che non resiste alla rigidità imposta, che odia il copione di Castellani, spesso volutamente non lo rispetta, si serve dell’ironia per ribaltarlo e andare a braccio, mostra la dinamicità che la sua mente mantiene a dispetto del corpo. Castellani, da buon padre (eterno) dello spettacolo, detta i sentieri entro i quali muoversi ma allo stesso tempo offre diverse opportunità agli attori di divagare, di dare sfogo alla propria immaginazione, con forme nuove, personali, non perdendo mai di vista quel Pinocchio che sta sullo sfondo, seduto alla loro sinistra, interpretato da Luca Scotton. Tutto deve necessariamente tornare al suo lungo naso, e alla sua favola dal lieto fine, orizzonte difficile da vedere che pur si cerca di mettere a fuoco, come quando Sielli racconta della  lucina in mezzo al buio, unico e indelebile ricordo dei giorni passati in sospeso tra la vita e la morte, tra l’inizio e la fine. Il risveglio si è trasformato in un principio di vita nuova, Ferrarini lo descrive come una macchina nera, priva di qualunque accessorio, una carrozzeria vuota alla quale aggiungere giorno per giorno i pezzi mancanti. Prima di tutto gli specchietti retrovisori, per guardarsi indietro e capire se alle spalle del dramma esistesse un paese dei balocchi che il fato ha deciso di interrompere bruscamente. In fondo è in quel non-luogo che Pinocchio ha smarrito il grillo parlante e, trasformandosi in asino, ha iniziato a fare i conti con le responsabilità della vita, con la maschera quotidiana che spesso pesa e limita i movimenti più naturali. La fata turchina ha poi premiato il burattino trasformandolo in bambino vero.
Facchini ha già una fata ma non gli dispiacerebbe averne due, Sielli la rincorre da una vita, lo faceva in moto prima del coma, lo fa oggi con la riabilitazione, Ferrarini la vuole bionda, buona e gentile.
Diverse musiche accompagnano i loro racconti, i loro desideri, tra queste c’è Patience dei Guns N’ Roses, ad indicare la via della speranza non solo per quel corpo che non è più lo stesso, affaticato e lento nel suo danzare, nel suo lottare, ma anche per la mente, più libera di contraddire il copione, più autonoma nell’assecondare la fantasia. Una ricerca  determinata dell’arcobaleno: se Patience se non avrà tutti i colori, l’importante sarà comunque tentare di non guardarlo in bianco e nero, come quando la luce del sonno di Sielli era così lontana da perdersi nel buio della fine.
La danza scatenata che anima il finale è un inno al ritmo, alla lotta, alla scoperta: Scotton aggancia le bretelle di Ferrarini a una fune per realizzare uno dei tanti sogni del protagonista, volare senza ali, prova a tirarlo su proprio come si farebbe con un burattino, ma non ci riesce. Ferrarini non è deluso dal fallimento del corpo, è al contrario felice del tentativo della mente, quella sì in grado di raggiungere qualunque latitudine senza bisogno di bretelle, senza bisogno delle ali, senza bisogno dell’odiato copione.

Davide Di Lascio


Spettacolo visto in anteprima il 7 ottobre 2012 alla Casa dei Risvegli Luca De Nigris, in occasione della giornata nazionale dei risvegli per la ricerca sul coma. Anteprima teatrale: 23 novembre 2012, Teatro al Parco, Parma. Debutto: 8 e 9 dicembre, Teatro Storchi, Modena.

 

COMPAGNIE


IMMAGINI
 
     

FESTIVAL

marzo-maggio 2018
Planetarium
Osservatorio sul teatro ragazzi

14 - 22 ottobre 2017
Vie Festival 2017
Laboratorio di critica e giornalismo

giugno 2017
Futuri Maestri
Laboratorio Futuri giornalisti

28-31 ottobre 2016
Crisalide
Perché passi un po' di caos libero e ventoso

ottobre 2016
Vie Festival 2016
Arti sceniche internazionali e italiane

22 settembre - 2 ottobre 2016
Contemporanea Festival 2016
Le arti della scena

ottobre 2015
Vie Festival 2015
Arti sceniche internazionali e italiane

1-4 ottobre 2015
Crisalide
Non è successo niente, è ciò che stiamo diventando

25 settembre - 4 ottobre 2015
Contemporanea Festival 2015
Le arti della scena

Febbraio - aprile 2015
Nelle pieghe del Corpo
Virgilio Sieni, Bologna

ottobre 2014 - marzo 2015
Festival Focus Jelinek
Festival per città

9-25 ottobre 2014
Vie Festival 2014 Modena___Emilia
Arti sceniche internazionali

10 - 20 luglio 2014
Santarcangelo · 14
Festival internazionale del teatro in piazza

12 - 21 luglio 2013
Santarcangelo · 13
Festival Internazionale del Teatro in Piazza

aprile 2013
Pinocchio della non-scuola
Immagini a cura di Osservatorio Fotografico, note a margine su Pinocchio

5-13 ottobre 2012
Tempo Reale Festival
Ricerche musicali contemporanee

14 - 23 luglio 2012
SANTARCANGELO •12
Festival internazionale del teatro in piazza

Primavera 2012
Vie Scena Contemporanea Festival
Arti sceniche internazionali

Marzo 2012
BilBolbul 2012
fumetto, illustrazione, disegno

ottobre 2011
Vie Scena Contemporanea Festival
Teatro internazionale a Modena, Carpi, Vignola e limitrofi

Settembre 2011
Arca Puccini - Musica per combinazione
Rock indipendente italiano e internazionale