Email Facebook Twitter
NEWS

26/04/2018
Osservatorio sul festival Ipercorpo: aperte le iscrizioni


20/03/2018
Direction Under 30: aperto il bando per candidarsi


20/03/2018
Planetarium ai festival di teatro-ragazzi


19/03/2018
Teatro e giovani generazioni: un incontro-dibattito a Castelfiorentino


10/11/2017
Performing Gender: gran finale a Bologna


08/11/2017
Master in Imprenditoria dello spettacolo 17-18, Università di Bologna


07/11/2017
Con occhi nudi: un itinerario al femminile


05/11/2017
Lettera 22. Premio giornalistico nazionale di critica teatrale under 36


04/09/2017
Cornice Aperta. Aperitivo con gli artisti del Festival Danza Urbana


19/05/2017
Maggio all'infanzia, dal 17 al 21 maggio a Bari


04/05/2017
Ivrea Cinquanta – Mezzo secolo di Nuovo Teatro in Italia 1967 – 2017. Genova, 5-7 maggio


29/03/2017
Un teatro in mezzo ai campi: 8 aprile con le Ariette


24/03/2017
''La formazione del nuovo pubblico'': un convegno sabato 25 marzo ad Albenga


28/02/2017
“Comizi d’amore”, open call per registi/drammaturghi e attori under 35 di Kepler-452


11/01/2017
La cultura nell'economia italiana: il 13 gennaio un convegno a Bologna


05/12/2016
Impertinente Festival: il teatro di figura a Parma, dal 7 all'11 dicembre


07/10/2016
Master in imprenditoria dello spettacolo, Bologna, anno accademico 2016-2017


23/09/2016
Infanzia e città a Pistoia, dal 24 settembre al 5 novembre 2016


03/09/2016
Dalla Cultura alla Scuola: ''Cosa abbiamo in Comune'', il 7 settembre a Bologna


31/08/2016
Electro Camp – International Platform for New Sounds and Dance, a Forte Marghera dal 7 all'11 settembre


TWITTER

Download pdf


One day - Accademia degli Artefatti
 
Roma, novembre 2008. L’Accademia degli Artefatti, in cartellone al Romaeuropa Festival, dopo il ritiro di una parte importante della produzione, annulla One day. Avrebbe fatto vivere il palco per ventiquattro ore, invitando a inventarne la fruizione, avrebbe criticato e affermato, estenuato, il racconto, avrebbe raccontato il teatro, affrontandone l’impossibilità. Ma quell’immersione radicale nel mondo spettacolarizzato, quell’esasperazione dei modelli a chiedere se e come fosse plausibile ancora lo spettacolo, non è stata.
Roma, settembre 2011. All’interno di Short theatre tre conferenze-spettacolo cercano di testimoniare One day, il cui vuoto ha mostrato l’urgenza delle sue domande: «Il senso del teatro oggi è la sua stessa incapacità di esistere, la sua inadeguatezza, la sua rincorsa; il suo ostinatamente voler raccontare una contemporaneità che sembra espellerlo come un virus». Arcuri affonda le mani in quel groviglio di media che trovano cittadinanza in questo mondo, anticorpi contro ogni significazione, e ne trae suoni, immagini, strategie comunicative, schemi narrativi. Anche se il viaggio tra Bucarest e Tijuana dovrebbe parlare del bambino rumeno rapito per smerciarne gli organi, in realtà la scena è così gonfia di teasers, divi, sondaggi, copie, telegiornali, notai, pubblicità, marionette, reality, che basta un messaggio erotizzante a distogliere lo sguardo e a drammatizzare Dolly Bell, un pupazzo smarrito. Niente scalfisce la superficie di queste forme posticce, stereotipate, normalizzate, insignificanti fino a essere identiche al loro opposto, e niente sembra avere la pretesa di farlo: ogni scena o movimento, attimo, parola ostenta finzione; ogni attore si sbircia, riflesso sul copione, per non dimenticare la distanza dal rappresentato; nessuno spettatore crede. In piedi, sul palco, Matteo Angius o Daria Deflorian si confessano, ma lo fanno leggendo un verbale, il loro flusso di coscienza è possibile perché già nel testo: le parole scritte da Magdalena Barile guidano, trascinano gli attori in quei sottili giochi di rimandi, menzogne e ribaltamenti di una drammaturgia che mette in crisi se stessa, svela l’inganno che è. In piedi, sul palco, Michele Andrei, come Pieraldo Girotto o chiunque altro, è attore che si nega personaggio per esserlo appieno, figura che impersona un ruolo, lo consuma e lo getta via. Solo che neanche questo è poi così “vero”, ché ogni salto e consumo è già stato stabilito, ché ci si attiene al copione (e se anche Caterina Inesi, come un notaio, sembra controllare sulle carte che tutto si svolga come stabilito, è impossibile crederle, vedendola seduta in scena con gli attori). L’insegnamento di Brecht è esplicito dall’inizio, ma gli Artefatti lo testano sul terreno dell’attuale, lo portano all’estremo e lo spingono oltre: fino a che punto regge lo straniamento? Fino a che punto il meccanismo svelato può renderci coscienza e fino a che punto è solo una forma codificata tra le altre? Quando separazione diventa non aver cura del rappresentato? Troppe risate fanno nascere il sospetto di intrattenimento, del «…sarebbe un bel viaggio se non fosse che si è partiti e si ritorna a terra». 
Se ci volgiamo a chiedere un appiglio o un’apertura, troviamo lo spettacolo di un giorno frantumato: ci resta in mente solo la sua idea mentre tra le mani abbiamo qualche ora appena. Forse questa potrebbe essere la sua forza: costretto ad acuire quella frammentarietà di storie, immagini e temi, che sin dal principio gli era costitutiva, impone allo sguardo il bisogno viscerale, il dovere irrealizzabile, di raccontare. One day non si chiude, perché non ha mai avuto inizio, e per questo il suo grido si acutizza, la sua domanda si fa centrale: come riprendere in mano gli elementi smontati del racconto, da dove ripartire per poter restituire realtà, Storia? Il compito è di esserci, «qui e ora», analizzare la contemporaneità che sembra nascondersi sotto ogni mediazione, pensarsi storicamente, e, recita il sottotitolo, finalmente vivere servirà a qualcosa. Il compito è lasciato al pubblico o, ancor più, alla critica, che, forse perché costretta a parlare troppo presto, dovendo chiudere tutte e tre le serate, ha cauterizzato velocemente una ferita ancora troppo fresca.
Concludendo potrei dire la speranza di vederlo prodotto, viverlo tutto, magari domani, ma finirei per parlare in ritardo sperando di essere in anticipo. Invece guardando possiamo scoprire: Fabrizio Arcuri dirige un Festival che sembra essere quel luogo e quel tempo per il teatro che si proponeva di essere One day. Short theatre riecheggia lo stesso moltiplicarsi di voci, immagini, linguaggi e realtà; il pubblico è altrettanto immerso, perso nel molteplice da essere costretto a trovare da solo una strada; ma qui a incontrarsi sarebbero artisti, personalità diverse, non stereotipate strategie di comunicazione o modelli identici, qui potremmo assistere alla creazione della lingua, non all’accartocciarsi di secchi simboli. Solo se gli artisti, col pubblico e la critica, prenderanno in mano il teatro, sarà possibile affrontarne l’impossibilità: Roma, settembre 2011.
 

di Matteo Vallorani


COMPAGNIE


IMMAGINI
 
   

LINKS

FESTIVAL

marzo-maggio 2018
Planetarium
Osservatorio sul teatro ragazzi

14 - 22 ottobre 2017
Vie Festival 2017
Laboratorio di critica e giornalismo

giugno 2017
Futuri Maestri
Laboratorio Futuri giornalisti

28-31 ottobre 2016
Crisalide
Perché passi un po' di caos libero e ventoso

ottobre 2016
Vie Festival 2016
Arti sceniche internazionali e italiane

22 settembre - 2 ottobre 2016
Contemporanea Festival 2016
Le arti della scena

ottobre 2015
Vie Festival 2015
Arti sceniche internazionali e italiane

1-4 ottobre 2015
Crisalide
Non è successo niente, è ciò che stiamo diventando

25 settembre - 4 ottobre 2015
Contemporanea Festival 2015
Le arti della scena

Febbraio - aprile 2015
Nelle pieghe del Corpo
Virgilio Sieni, Bologna

ottobre 2014 - marzo 2015
Festival Focus Jelinek
Festival per città

9-25 ottobre 2014
Vie Festival 2014 Modena___Emilia
Arti sceniche internazionali

10 - 20 luglio 2014
Santarcangelo · 14
Festival internazionale del teatro in piazza

12 - 21 luglio 2013
Santarcangelo · 13
Festival Internazionale del Teatro in Piazza

aprile 2013
Pinocchio della non-scuola
Immagini a cura di Osservatorio Fotografico, note a margine su Pinocchio

5-13 ottobre 2012
Tempo Reale Festival
Ricerche musicali contemporanee

14 - 23 luglio 2012
SANTARCANGELO •12
Festival internazionale del teatro in piazza

Primavera 2012
Vie Scena Contemporanea Festival
Arti sceniche internazionali

Marzo 2012
BilBolbul 2012
fumetto, illustrazione, disegno

ottobre 2011
Vie Scena Contemporanea Festival
Teatro internazionale a Modena, Carpi, Vignola e limitrofi

Settembre 2011
Arca Puccini - Musica per combinazione
Rock indipendente italiano e internazionale