Email Facebook Twitter
NEWS

26/04/2018
Osservatorio sul festival Ipercorpo: aperte le iscrizioni


20/03/2018
Direction Under 30: aperto il bando per candidarsi


20/03/2018
Planetarium ai festival di teatro-ragazzi


19/03/2018
Teatro e giovani generazioni: un incontro-dibattito a Castelfiorentino


10/11/2017
Performing Gender: gran finale a Bologna


08/11/2017
Master in Imprenditoria dello spettacolo 17-18, Università di Bologna


07/11/2017
Con occhi nudi: un itinerario al femminile


05/11/2017
Lettera 22. Premio giornalistico nazionale di critica teatrale under 36


04/09/2017
Cornice Aperta. Aperitivo con gli artisti del Festival Danza Urbana


19/05/2017
Maggio all'infanzia, dal 17 al 21 maggio a Bari


04/05/2017
Ivrea Cinquanta – Mezzo secolo di Nuovo Teatro in Italia 1967 – 2017. Genova, 5-7 maggio


29/03/2017
Un teatro in mezzo ai campi: 8 aprile con le Ariette


24/03/2017
''La formazione del nuovo pubblico'': un convegno sabato 25 marzo ad Albenga


28/02/2017
“Comizi d’amore”, open call per registi/drammaturghi e attori under 35 di Kepler-452


11/01/2017
La cultura nell'economia italiana: il 13 gennaio un convegno a Bologna


05/12/2016
Impertinente Festival: il teatro di figura a Parma, dal 7 all'11 dicembre


07/10/2016
Master in imprenditoria dello spettacolo, Bologna, anno accademico 2016-2017


23/09/2016
Infanzia e città a Pistoia, dal 24 settembre al 5 novembre 2016


03/09/2016
Dalla Cultura alla Scuola: ''Cosa abbiamo in Comune'', il 7 settembre a Bologna


31/08/2016
Electro Camp – International Platform for New Sounds and Dance, a Forte Marghera dal 7 all'11 settembre


TWITTER

Download pdf


Campi emozionali sospesi dalla fissità. Intervista a Virgilio Sieni

Il 15 febbraio ha debuttato al Teatro Comunale di Bologna Petruška di Virgilio Sieni, creazione per sei danzatori sulla celebre musica di Stravinsky. Il coreografo fiorentino nel marzo 2018 ha portato e porterà nel capoluogo emiliano  altri due lavori: Il Cantico dei Cantici, all’Arena del Sole il 7 marzo, e il progetto realizzato con l’Accademia dell’arte del gesto Il mondo salvato dai Pulcinella, che verrà presentato nel Salone del Podestà a Palazzo Re Enzo il 31. Il nostro dialogo ha luogo in platea, sottovoce, mentre i danzatori si scaldano in palcoscenico prima dello spettacolo all’Arena.



Questa sera andrà in scena Il Cantico dei Cantici, che ha debuttato nel 2016 al Festival Aperto di Reggio Emilia. Non è la prima volta, tuttavia, che lei si rapporta al soggetto biblico e nel 1993 aveva presentato Cantico al Festival Oriente Occidente di Rovereto. Che cosa l’ha spinta a riconfrontarsi con lo stesso tema e che cosa l’aveva portata la prima volta verso questa fonte di ispirazione?

Il Cantico dei Cantici è una raccolta di frammenti orali attinti da voci mesopotamiche e quindi porta con sé un modo diverso e nuovo, nomade di esprimersi. Si tratta quasi di camminamenti che si rivolgono a una dimensione di tenuità, di sguardo verso l’altro, ma soprattutto a una dimensione di vicinanza e di tattilità. È un’ode che veicola un’idea di campo emotivo, magnetico, emozionale, che riguarda la vicinanza fra individui: mi interessava quindi pensare a uno spazio tattile, odoroso, che rinegozia tutte le qualità della luce. Penso al Cantico come “voce della danza” perché prolifera gesti, è come se un gesto non fosse mai determinato, finito, ma trovasse sempre delle nuove origini nel suo essere frammentato. Ho ripreso la stessa indagine per i medesimi motivi che mi ci avevano portato vent’anni fa.

A proposito della luce che  ha menzionato, in scena utilizzate un tappeto circolare dorato. L’oro è presente più di una volta nel Cantico, si parla di «pendenti e spalliere d’oro», si legge «il suo corpo è oro, oro puro»…

Grazie agli artigiani fiorentini abbiamo usato nel tappeto la foglia d’oro vera e propria. L’oro è un materiale indistruttibile e mi pare che ben si addica al concetto di natura, se per natura si intende qualcosa che non è gerarchicamente dominato da una persona, ma al contrario un’entità condivisa da una moltitudine. L’oro inoltre ha la capacità di diffondere e di emanare luce, l’ho scelto anche perché mi permette di lavorare con delle gradazioni molto basse: per esempio la luce proveniente dall’alto che batte sull’oro e viene restituita come se sorgesse dal basso. Non è, però, un vero e proprio specchio, quanto più un riflesso che ricicla la luce attraverso un altro tipo di colore. Infine, l’oro è stato usato in vare civiltà nell’arte, per esempio dai bizantini, per i quali rimandava all’infinito e all’abisso, ed è qualcosa che comunque ha a che fare con l’ancestralità e con l’extra quotidiano.


Virgilio Sieni, Il Cantico dei Cantici

La sua poetica  spesso si concentra su una dimensione di corporeità essenziale o ancestrale. A livello coreografico come avviene questa ricerca?

Amo pensare il gesto come a una sequela di origini che danno vita a uno spostamento, come a un’idea del divenire. L’elemento ancestrale subentra nel momento in cui l’uomo porta l’attenzione a un contesto fatto di carne: sopraggiunge dunque una dimensione meditativa dove riemergono queste origini, avvicinandosi così a una dimensione che potremmo definire mistica, proprio perché extra quotidiana. Mi interessa indagare uno stadio in cui il danzatore, anche con difficoltà, riesce ad avvertire attraverso l’ascolto del movimento il nostro distribuirci per articolazioni, intese in questo caso come delle “bolle cosmiche” che portiamo in giro.

Passiamo invece all’azione coreografica che presenterà a Palazzo Re Enzo. Perché il mondo è salvato dai Pulcinella? Da cosa ci salvano?

In questo ballo bolognese anzitutto è evidente la citazione dal libro di Elsa Morante Il mondo salvato dai ragazzini. Pulcinella non è una maschera, ma è un’entità che ci mette in contatto con tutto quel che è altrove e ancestrale, ma è anche colui che tratta la vita come un’esplosione nella momentaneità, ci dice che la vita è presente e va vissuta nel momento. In questo senso specifico a me interessa molto la figura del Pulcinella. Il mondo è salvato dai Pulcinella perché Pulcinella riporta l’attenzione alla qualità del corpo, della carne, del gesto. Non a caso tutti gli interpreti (circa centotrenta cittadini di tutte le età, di tutte le professioni, di tutte le capacità) si stanno addestrando per portare a memoria delle azioni coreografiche; attraverso questa memoria non fanno altro che entrare in una sorta di azione meditativa del gesto, dove la ripetizione è uno scavo emotivo. Avere oltre cento persone che  si stanno concentrando su un’azione significa comprendere di più l’oggi, e contrastare un presente caratterizzato dalla dispersività e raccontato spesso superficialmente, banalizzato. In questo senso i Pulcinella ci salvano.


Virgilio Sieni, Il mondo salvato dai Pulcinella

Pulcinella, però, è percepito dalla tradizione popolare soprattutto come una figura comica, anzi, tragicomica. Questo tratto è presente anche nel suo lavoro?

L’elemento comico nel Pulcinella è più che altro l’elemento giocoso. Pulcinella gioca continuamente, ma fa il gioco della vita, quindi è il condannato, ma allo stesso tempo anche il carnefice. È estremamente aperto a una visione ampia dello pneuma, a una visione quasi zen della vita, dello yin e dello yang,  Pulcinella gioca per decostruire il senso della fissità, il gioco in effetti prima di tutto ci sospende dalla fissità. Il pubblico di questo ballo non vedrà uno spettacolo comico, ma  persone che stanno giocando al gioco del gesto.

Ci può dire più nello specifico chi sono gli interpreti di questi progetti?

I protagonisti sono semplicemente i cittadini, e ovviamente ci sono dentro tutti i tipi di cittadini: dai danzatori, ai performer, agli architetti, ai disoccupati, ai bambini, ai pensionati, ai malati…

Un’ampia varietà dunque, non è complicato  coordinare un gruppo così eterogeneo?

No, perché si tratta di comunità del gesto, io le chiamo così: sono persone che si ritrovano perché condividono il desiderio di mettersi alla prova dal punto di vista dell’attenzione portata al corpo e dunque contribuiscono a donare un senso rinnovato alla danza. La disponibilità di tempo mette insieme persone che altrimenti non si sarebbero mai incontrate, quindi i partecipanti non sono selezionati per capacità, ma a mio avviso è proprio questo il bello di un progetto così concepito. I gruppi che si costituiscono trovano nella dimensione della moltitudine una forma di arricchimento, un po’ come le piante, in cui vi sono tantissimi organi che si rigenerano continuamente e mantengono la pianta in vita.

Marta Buggio

           

FESTIVAL

marzo-maggio 2018
Planetarium
Osservatorio sul teatro ragazzi

14 - 22 ottobre 2017
Vie Festival 2017
Laboratorio di critica e giornalismo

giugno 2017
Futuri Maestri
Laboratorio Futuri giornalisti

28-31 ottobre 2016
Crisalide
Perché passi un po' di caos libero e ventoso

ottobre 2016
Vie Festival 2016
Arti sceniche internazionali e italiane

22 settembre - 2 ottobre 2016
Contemporanea Festival 2016
Le arti della scena

ottobre 2015
Vie Festival 2015
Arti sceniche internazionali e italiane

1-4 ottobre 2015
Crisalide
Non è successo niente, è ciò che stiamo diventando

25 settembre - 4 ottobre 2015
Contemporanea Festival 2015
Le arti della scena

Febbraio - aprile 2015
Nelle pieghe del Corpo
Virgilio Sieni, Bologna

ottobre 2014 - marzo 2015
Festival Focus Jelinek
Festival per città

9-25 ottobre 2014
Vie Festival 2014 Modena___Emilia
Arti sceniche internazionali

10 - 20 luglio 2014
Santarcangelo · 14
Festival internazionale del teatro in piazza

12 - 21 luglio 2013
Santarcangelo · 13
Festival Internazionale del Teatro in Piazza

aprile 2013
Pinocchio della non-scuola
Immagini a cura di Osservatorio Fotografico, note a margine su Pinocchio

5-13 ottobre 2012
Tempo Reale Festival
Ricerche musicali contemporanee

14 - 23 luglio 2012
SANTARCANGELO •12
Festival internazionale del teatro in piazza

Primavera 2012
Vie Scena Contemporanea Festival
Arti sceniche internazionali

Marzo 2012
BilBolbul 2012
fumetto, illustrazione, disegno

ottobre 2011
Vie Scena Contemporanea Festival
Teatro internazionale a Modena, Carpi, Vignola e limitrofi

Settembre 2011
Arca Puccini - Musica per combinazione
Rock indipendente italiano e internazionale