Email Facebook Twitter
NEWS

26/04/2018
Osservatorio sul festival Ipercorpo: aperte le iscrizioni


20/03/2018
Direction Under 30: aperto il bando per candidarsi


20/03/2018
Planetarium ai festival di teatro-ragazzi


19/03/2018
Teatro e giovani generazioni: un incontro-dibattito a Castelfiorentino


10/11/2017
Performing Gender: gran finale a Bologna


08/11/2017
Master in Imprenditoria dello spettacolo 17-18, Università di Bologna


07/11/2017
Con occhi nudi: un itinerario al femminile


05/11/2017
Lettera 22. Premio giornalistico nazionale di critica teatrale under 36


04/09/2017
Cornice Aperta. Aperitivo con gli artisti del Festival Danza Urbana


19/05/2017
Maggio all'infanzia, dal 17 al 21 maggio a Bari


04/05/2017
Ivrea Cinquanta – Mezzo secolo di Nuovo Teatro in Italia 1967 – 2017. Genova, 5-7 maggio


29/03/2017
Un teatro in mezzo ai campi: 8 aprile con le Ariette


24/03/2017
''La formazione del nuovo pubblico'': un convegno sabato 25 marzo ad Albenga


28/02/2017
“Comizi d’amore”, open call per registi/drammaturghi e attori under 35 di Kepler-452


11/01/2017
La cultura nell'economia italiana: il 13 gennaio un convegno a Bologna


05/12/2016
Impertinente Festival: il teatro di figura a Parma, dal 7 all'11 dicembre


07/10/2016
Master in imprenditoria dello spettacolo, Bologna, anno accademico 2016-2017


23/09/2016
Infanzia e città a Pistoia, dal 24 settembre al 5 novembre 2016


03/09/2016
Dalla Cultura alla Scuola: ''Cosa abbiamo in Comune'', il 7 settembre a Bologna


31/08/2016
Electro Camp – International Platform for New Sounds and Dance, a Forte Marghera dal 7 all'11 settembre


TWITTER

Download pdf


Necessità dell'atto e diritto all'azione, di Claudio Morganti
 
È un vecchio espediente quello di partir dai dizionari per attaccar discorso, o briga.
Ma è utile, "marcia" come dicono i francesi.
Dunque, a mo' di profilassi, è necessario anteporre al ragionamento che seguirà (altrimenti e meglio detto "pensata") un paio di cose (la scelta del generico termine è intenzionale).

Cosa n. 1
Riflettere sulla differenza dei termini "azione" e "atto" contro la sinonimìa che la lingua ostinatamente vorrebbe.

Cosa n. 2
Riflettere sulla differenza dei termini "teatro" e "spettacolo" contro il pernicioso buonsenso che il buonsenso stesso vorrebbe.

Aiutino per la Cosa n. 1
Azione: ogni comportamento umano volto al conseguimento di uno scopo.
ma anche : lo sfaccendare

Atto: la fallimentare ed ostinata ricerca dell'attimo (aiòn), perorazione.

(Bene, saccheggiato Carmelo e dizionario, andiamo avanti...).

Aiutino per la Cosa n. 2

Tabella delle macroscopiche differenze che intercorrono tra Teatro e Spettacolo (immagine a fondo pagina)

(Ed ecco, saccheggiato me stesso)

Le due dicotomie succitate si sovrappongono ed aderiscono in pieno con il concetto di netta separazione tra "esigenza politica" ed "esigenza estetica" espresso da Graziani.

(Rivolgerei comunque uno sguardo esteticamente benevolo a Fidel. Infatti, come si può facilmente notare, i capi dittatori e\o con tendenza dittatoriale, nelle occasioni pubbliche e nelle situazioni di emergenza, tendono a travestirsi. I travestimenti vanno dal cappello da pompiere o ferroviere al copricapo sioux, alla tuta mimetica, ai tristi connubi turbante-occhialoni gialli.
Evidentemente l'embargo e l'estrema vicinanza geografica con un nemico così strapotenete, ha fatto sì che Fidel si sentisse sempre in una situazione di emergenza. Ma il tratto comune che lega i travestimenti del potere è una sorta di sconcertante tamarraggine e il travestimento di Fidel mi sembra si possa considerare tra quelli esteticamente dignitosi)

Sono peraltro pienamente d'accordo anche sulla quaestio porci.
Quel che non mi sento di condividere è il paradigma secondo cui la cantina è un mezzo ed il palco (inteso come stabilità economica) dovrebbe essere il fine.
Adoperare la cantina ed il concetto di ricerca come trampolino per ottenere la direzione di un teatro stabile è un po' come usare le sezioni di partito con lo scopo di sedere un giorno in parlamento.
Per chi osa fallire il teatro, lo scopo dovrebbe essere unicamente la vicinanza con esso.
Sono certo che è più adatto un piccolo e protetto spazio che non uno di quei bizzarri edifici pieni di gente con la tosse (le italiche pergole).
In fondo si tratta di un problema di vettori.
Sono i soldi che devono andare verso chi ricerca e non viceversa.
Dunque per parafrasare Buchner "Fuoco alle pergole e pace alle cantine!"
Infatti,
come si evince dal punto 2 della tabella delle differenze, il teatro chiede luoghi chiusi, disperatamente tesi verso i sempre meno possibili buio e silenzio, luoghi chiusi, cantine o altro che siano.
Il teatro non sopporta la luce del sole nè l'aria sulla pelle.
C'è un tempo per ogni cosa, si usa dire, ma anche uno spazio. Un tempo e uno spazio per l'atto, un tempo e uno spazio per l'azione.


LA DEMOLIZIONE PIANIFICATA E DICHIARATA.

Quando ormai tre anni fa, di fronte a una non so quale platea di fans, il ministro Brunetta, con gesto prettamente "spettacolare" digrignò  "...e noi gli chiudiamo i rubinetti!" (raccogliendo peraltro un'ovazione) avremmo dovuto ben capire a cosa si andava incontro.

Col teatro si chiude, basta con i tentativi di sovversione degli spiriti, ve la diamo noi l'arte!
Si tollereranno unicamente redditizie manifestazioni spettacolari (cultura).

La decimazione-stillicidio che sta subendo il teatro ha il sapore di una persecuzione.
Gli operatori dello spettacolo al muto grido di “meglio poco che niente" non sembrano voler reagire.
E gli operatori del teatro? Come si risponde ad una persecuzione?
Sarebbe opportuno contenere i gesti, non platealizzare,  poichè le cose oggi vanno male, ma domani potrebbero andar peggio. Bisognerebbe cercare luoghi protetti dove riunirsi, studiare, ostinarsi intorno ai concetti che sottendono l'idea di teatro, tentare l'atto, osare quel rito che può essere solo speciale, particolare e circoscritto, mai globale.
Poco esporsi per poter eventualmente un domani dar miglior spazio alla strada e all'azione.

Auspico la nascita di gruppi di studio e di lavoro che, come l' LGSAS (libero gruppo di studio d'arti sceniche), siano autogestiti (colletta) e non ufficialmente costituiti.
...echecchè! Forse che anche i teatranti non hanno diritto ad una privacy?


Quando posso, leggo in pubblico il Woyzeck di Büchner.
Mi piace sempre terminare con un pezzo di una lettera che Büchner, latitante, scrisse ai suoi genitori.
Anche qui, così termino:

Si rimprovera ai giovani l'uso della violenza. Ma non ci troviamo forse in una eterna situazione di violenza?     Poichè siamo nati e cresciuti in carcere non ci accorgiamo più di stare in galera, con mani e piedi incatenati e un bavaglio sulla bocca. Ma che cos'è che voi chiamate una situazione legale? È una legge! Una legge che fa della gran massa dei cittadini bestie da soma per soddisfare i bisogni snaturati di una minoranza insignificante e corrotta.
Questa legge, sostenuta da una rude forza militare e dalla stupida furbizia dei suoi agenti, è una eterna, brutale violenza arrecata al diritto e alla sana ragione, e io la combatterò con la bocca e con le mani dovunque potrò".


Claudio Morganti
 

COMPAGNIE


IMMAGINI
 
     

FESTIVAL

marzo-maggio 2018
Planetarium
Osservatorio sul teatro ragazzi

14 - 22 ottobre 2017
Vie Festival 2017
Laboratorio di critica e giornalismo

giugno 2017
Futuri Maestri
Laboratorio Futuri giornalisti

28-31 ottobre 2016
Crisalide
Perché passi un po' di caos libero e ventoso

ottobre 2016
Vie Festival 2016
Arti sceniche internazionali e italiane

22 settembre - 2 ottobre 2016
Contemporanea Festival 2016
Le arti della scena

ottobre 2015
Vie Festival 2015
Arti sceniche internazionali e italiane

1-4 ottobre 2015
Crisalide
Non è successo niente, è ciò che stiamo diventando

25 settembre - 4 ottobre 2015
Contemporanea Festival 2015
Le arti della scena

Febbraio - aprile 2015
Nelle pieghe del Corpo
Virgilio Sieni, Bologna

ottobre 2014 - marzo 2015
Festival Focus Jelinek
Festival per città

9-25 ottobre 2014
Vie Festival 2014 Modena___Emilia
Arti sceniche internazionali

10 - 20 luglio 2014
Santarcangelo · 14
Festival internazionale del teatro in piazza

12 - 21 luglio 2013
Santarcangelo · 13
Festival Internazionale del Teatro in Piazza

aprile 2013
Pinocchio della non-scuola
Immagini a cura di Osservatorio Fotografico, note a margine su Pinocchio

5-13 ottobre 2012
Tempo Reale Festival
Ricerche musicali contemporanee

14 - 23 luglio 2012
SANTARCANGELO •12
Festival internazionale del teatro in piazza

Primavera 2012
Vie Scena Contemporanea Festival
Arti sceniche internazionali

Marzo 2012
BilBolbul 2012
fumetto, illustrazione, disegno

ottobre 2011
Vie Scena Contemporanea Festival
Teatro internazionale a Modena, Carpi, Vignola e limitrofi

Settembre 2011
Arca Puccini - Musica per combinazione
Rock indipendente italiano e internazionale