Email Facebook Twitter
NEWS

26/04/2018
Osservatorio sul festival Ipercorpo: aperte le iscrizioni


20/03/2018
Direction Under 30: aperto il bando per candidarsi


20/03/2018
Planetarium ai festival di teatro-ragazzi


19/03/2018
Teatro e giovani generazioni: un incontro-dibattito a Castelfiorentino


10/11/2017
Performing Gender: gran finale a Bologna


08/11/2017
Master in Imprenditoria dello spettacolo 17-18, Università di Bologna


07/11/2017
Con occhi nudi: un itinerario al femminile


05/11/2017
Lettera 22. Premio giornalistico nazionale di critica teatrale under 36


04/09/2017
Cornice Aperta. Aperitivo con gli artisti del Festival Danza Urbana


19/05/2017
Maggio all'infanzia, dal 17 al 21 maggio a Bari


04/05/2017
Ivrea Cinquanta – Mezzo secolo di Nuovo Teatro in Italia 1967 – 2017. Genova, 5-7 maggio


29/03/2017
Un teatro in mezzo ai campi: 8 aprile con le Ariette


24/03/2017
''La formazione del nuovo pubblico'': un convegno sabato 25 marzo ad Albenga


28/02/2017
“Comizi d’amore”, open call per registi/drammaturghi e attori under 35 di Kepler-452


11/01/2017
La cultura nell'economia italiana: il 13 gennaio un convegno a Bologna


05/12/2016
Impertinente Festival: il teatro di figura a Parma, dal 7 all'11 dicembre


07/10/2016
Master in imprenditoria dello spettacolo, Bologna, anno accademico 2016-2017


23/09/2016
Infanzia e città a Pistoia, dal 24 settembre al 5 novembre 2016


03/09/2016
Dalla Cultura alla Scuola: ''Cosa abbiamo in Comune'', il 7 settembre a Bologna


31/08/2016
Electro Camp – International Platform for New Sounds and Dance, a Forte Marghera dal 7 all'11 settembre


TWITTER

Download pdf


Rete Critica, premio sperimentale assegnato dal web

Dal regolamento: «Al premio Rete Critica sono ammessi siti e blog di informazione e critica teatrale che abbiamo visibilità in rete, con una identità e continuità redazionale riconoscibili».
http://www.ateatro.org/retecritica.asp

Da quando c'è internet, Dio lo benedica, siamo assolutamente sommersi da commenti e opinioni. Non si può ancora dire di preciso, ma fin qui sembra funzionare. L'accesso a tutti – chi commenta e chi legge – è disponibile in modo più democratico, e ciò è senz'altro un bene. Abbiamo un milione di persone o giù di lì che quotidianamente offre consigli, riflessioni, punti di vista, e un tentativo qua e là di darci una mano a vivere in maggiore armonia con il nostro pianeta e gli altri esseri umani. D'altro canto, per ottenere attenzione in rete (e in televisione, se è per questo), un commentatore, spesso e volentieri, dev'essere rumoroso, radicale o pazzo. Perciò la gran parte dei commentatori rientra in tutte e tre le categorie.
Dave Eggers, Lo scrittore etico, “La Repubblica”, 6 novembre 2011

Abbiamo aderito a Rete Critica perché i cambiamenti che il web sta imponendo alla critica sono sotto gli occhi di tutti. Anche nel nostro ambiente teatrale, negli ultimi anni abbiamo assistito alla nascita di non pochi portali e webzine, non sempre in relazione reciproca. A questa nuova quantità, però, non ci sembra sia seguito un interesse maggiore per le arti della scena nella società. Il teatro che vive, in Italia, resta comunque ai margini di un sistema culturale che guarda altrove. D'altro canto fatichiamo tutti a uscire da una situazione ambigua: da un lato veniamo riconosciuti da un ambiente teatrale piccolo e autocelebrativo, col rischio concreto di diventare tutti quanti gazzettieri semipubblicitari; dall'altro operiamo nei confini liquidi del web, e appena tentiamo di mettere il naso fuori (anche solo per guardare o farsi guardare dal cinema, dalla letteratura, dalla musica) ci rendiamo conto che immaginare lettori che non siano addetti ai lavori è esercizio complesso. Lungi dal rappresentare una lamentela, questa situazione è per noi una sfida, a patto però di prenderne coscienza: continuiamo a parlare a pochi, quando va bene, perché solitamente si parla agli amici. Scrivere non basta: c'è da ricostruire una funzione critica che si va disperdendo, inventandosi forme, mezzi, professioni, azioni. Per questo motivo, l'idea di un percorso che provi ad affiancare alcune realtà che operano sul web ci sembra un tentativo da non lasciar cadere. Non sappiamo se un premio sia la strada giusta, né se porterà agli esiti che speriamo. Ci sembra però un modo per provare a guardarsi attorno, per portare il teatro in cui crediamo in un consesso un poco più allargato (anche se di addetti ai lavori), una piccola occasione per “fare dei nomi” provando a spostare qualche piccolo equilibrio, ben consapevoli che le realtà che hanno aderito sono fra loro estremamente diverse. Ma è solo nella diversità, quando essa assume contorni di ragionamento e non di prese di posizione da talk show, che può ancora avere senso un'idea di critica.


Una visione sugli esiti

Gli esiti di questa prima segnalazione “libera” ci sembrano importanti. Emerge una fotografia del teatro che vive in Italia, slegato da tradizionalismi. Se ci si arrestasse a questa prima fase, a queste tredici segnalazioni, sarebbe già un ottimo risultato, perché maturato senza darsi parametri vincoli o categorie preventivi (tutti i segnalati sono raccolti qui).
Tuttavia, ci sembra importante riflettere su una ipotetica visione generale, quello che all'interno di Altre Velocità abbiamo provato a inseguire per immaginare l'esito finale del premio. Ci sembra che un percorso siffatto assuma un significato maggiore qualora vada a segnalare e a premiare le realtà della scena meno meno riconosciute: esperienze artistiche, organizzative, culturali all'inizio di un percorso o guidate da scelte estetiche e poetiche radicali. Ci sono già alcuni premi utili per segnalare “il meglio” (a giudizio dei votanti, si intende), andando a selezionarlo in un panorama di esperienze da tutti conosciute, almeno nell'ambiente teatrale. A nostro avviso, un premio che nasce, costruito da realtà prevalentemente indipendenti e che hanno aperto qualche strada per la critica allargandone i confini, troverebbe il suo senso qualora provasse a indicare le emersioni, contribuendo così a renderle note.
Detto in altri termini, questo “Rete Critica” potrebbe essere un premio per chi non è mai stato premiato (ma lo merita!), per chi non è ancora conosciuto e riconosciuto dai più (ma meriterebbe di esserlo!) o per chi si inserisce in un panorama con una tensione che non ha a che fare con ciò che è di moda, perché procede in proposte linguistiche e progettuali parziali, aderenti a un punto di vista singolare e non originato da ciò che “funziona”.
Visto da questa prospettiva, il premio potrebbe essere uno sprone sia per chi lo riceve sia per il panorama di addetti ai lavori del teatro italiano. Non un modo per gratificarsi e riconoscersi, ma un piccolo passo per continuare le ricerche, per continuare a scavare.
 
Le nostre votazioni (primo turno già concluso)
 
Serissimo metodo Morg’hantieff per attori, teatranti e spettatori
di Claudio Morganti (Edizioni dell’Asino, Roma 2011) 
[LIBRI NECESSARI] 
 
Un manualetto indispensabile per chi vuole restare in ascolto dell’arte scenica. Attraverso l’espediente del manoscritto ritrovato, Claudio Morganti propone al lettore una serie di esercizi a metà tra la ricetta e l’allegoria, volti a cogliere le qualità del teatro. Utilissimo in questi tempi in cui lo spettacolo invade i palcoscenici, il libretto di Morganti aiuta artisti, spettatori e critici a vedere più a fondo, a ritrovare «il punto» di fragilità, la piega dentro la quale si nasconde il principio della scena. Caldamente consigliato contro l’intrattenimento dei fenomeni alla moda.
 
Angelo Mai Altrove (Roma) 
[SPAZI TEATRALI CHE PRESERVANO L'INCOLTO]
 
Per lavorare su più discipline non basta chiamare a suonare i propri amici musicisti: occorre costruire un nucleo di direzione dalle provenienze differenti, che sappia lavorare per aree di competenza. Fra i pochissimi in Italia a programmare con assiduità il meglio del teatro e del jazz e rock indipendenti, l'Angelo Mai è sempre più un punto di riferimento per le arti dal vivo nella Capitale. Nei locali ottenuti su assegnazione comunale, lo spazio è gestito da un collettivo trasversale e numeroso che si sostiene con serate di intelligenti feste danzanti, possibile modello che lascia intravedere uno spiraglio in un panorama generale di strutture ipoteticamente pubbliche ma gestite come privatissime proprietà. 
 
Menoventi
[OPERE APERTE E NON PUBBLICITARIE]
 
Continuare a interrogare il proprio linguaggio teatrale, senza accomodarsi su scelte riuscite e funzionali; rinnovare opera dopo opera il senso del lavoro dell'attore, scardinando di continuo ricerca e tradizione, intraprendendo strade che sondano le questioni del "personaggio" e della "scrittura scenica". Quello di Consuelo Battiston, Gianni Farina e Alessandro Miele è un teatro che dal primo In festa fino agli ultimi Perdere la Faccia e L'uomo della sabbia non permette mai allo spettatore di dimenticarsi della propria posizione di partecipante, senza farlo sprofondare in facili trappole emotive.
Menoventi su Altrevelocita.it

Compagnia Barokthegreat
[OPERE APERTE E NON PUBBLICITARIE]

Gruppo composto da Sonia Brunelli, danzatrice e coreografa forlivese che ha alle spalle un lungo percorso da solista, e dalla musicista Leila Gharib. Dal 2008 portano avanti una ricerca instancabile sulla “radice mentale del movimento”, che si realizza in spettacoli dove il lavoro sul corpo si coniuga a una ricerca sonora che sa farsi materia viva, in grado di ampliare i confini della danza.
Barok di Barokthegreat su Altrevelocita.it


di Altre Velocita'
 

IMMAGINI
 
   

LINKS

FESTIVAL

marzo-maggio 2018
Planetarium
Osservatorio sul teatro ragazzi

14 - 22 ottobre 2017
Vie Festival 2017
Laboratorio di critica e giornalismo

giugno 2017
Futuri Maestri
Laboratorio Futuri giornalisti

28-31 ottobre 2016
Crisalide
Perché passi un po' di caos libero e ventoso

ottobre 2016
Vie Festival 2016
Arti sceniche internazionali e italiane

22 settembre - 2 ottobre 2016
Contemporanea Festival 2016
Le arti della scena

ottobre 2015
Vie Festival 2015
Arti sceniche internazionali e italiane

1-4 ottobre 2015
Crisalide
Non è successo niente, è ciò che stiamo diventando

25 settembre - 4 ottobre 2015
Contemporanea Festival 2015
Le arti della scena

Febbraio - aprile 2015
Nelle pieghe del Corpo
Virgilio Sieni, Bologna

ottobre 2014 - marzo 2015
Festival Focus Jelinek
Festival per città

9-25 ottobre 2014
Vie Festival 2014 Modena___Emilia
Arti sceniche internazionali

10 - 20 luglio 2014
Santarcangelo · 14
Festival internazionale del teatro in piazza

12 - 21 luglio 2013
Santarcangelo · 13
Festival Internazionale del Teatro in Piazza

aprile 2013
Pinocchio della non-scuola
Immagini a cura di Osservatorio Fotografico, note a margine su Pinocchio

5-13 ottobre 2012
Tempo Reale Festival
Ricerche musicali contemporanee

14 - 23 luglio 2012
SANTARCANGELO •12
Festival internazionale del teatro in piazza

Primavera 2012
Vie Scena Contemporanea Festival
Arti sceniche internazionali

Marzo 2012
BilBolbul 2012
fumetto, illustrazione, disegno

ottobre 2011
Vie Scena Contemporanea Festival
Teatro internazionale a Modena, Carpi, Vignola e limitrofi

Settembre 2011
Arca Puccini - Musica per combinazione
Rock indipendente italiano e internazionale