Email Facebook Twitter
NEWS

26/04/2018
Osservatorio sul festival Ipercorpo: aperte le iscrizioni


20/03/2018
Direction Under 30: aperto il bando per candidarsi


20/03/2018
Planetarium ai festival di teatro-ragazzi


19/03/2018
Teatro e giovani generazioni: un incontro-dibattito a Castelfiorentino


10/11/2017
Performing Gender: gran finale a Bologna


08/11/2017
Master in Imprenditoria dello spettacolo 17-18, Università di Bologna


07/11/2017
Con occhi nudi: un itinerario al femminile


05/11/2017
Lettera 22. Premio giornalistico nazionale di critica teatrale under 36


04/09/2017
Cornice Aperta. Aperitivo con gli artisti del Festival Danza Urbana


19/05/2017
Maggio all'infanzia, dal 17 al 21 maggio a Bari


04/05/2017
Ivrea Cinquanta – Mezzo secolo di Nuovo Teatro in Italia 1967 – 2017. Genova, 5-7 maggio


29/03/2017
Un teatro in mezzo ai campi: 8 aprile con le Ariette


24/03/2017
''La formazione del nuovo pubblico'': un convegno sabato 25 marzo ad Albenga


28/02/2017
“Comizi d’amore”, open call per registi/drammaturghi e attori under 35 di Kepler-452


11/01/2017
La cultura nell'economia italiana: il 13 gennaio un convegno a Bologna


05/12/2016
Impertinente Festival: il teatro di figura a Parma, dal 7 all'11 dicembre


07/10/2016
Master in imprenditoria dello spettacolo, Bologna, anno accademico 2016-2017


23/09/2016
Infanzia e città a Pistoia, dal 24 settembre al 5 novembre 2016


03/09/2016
Dalla Cultura alla Scuola: ''Cosa abbiamo in Comune'', il 7 settembre a Bologna


31/08/2016
Electro Camp – International Platform for New Sounds and Dance, a Forte Marghera dal 7 all'11 settembre


TWITTER

Download pdf


Farsi luogo. Varco al teatro in 101 movimenti di Marco Martinelli

Farsi luogo di Marco Martinelli è uscito alla fine del 2015 per Cue Press, impresa editoriale digitale e cartacea che sta costruendo un importante catalogo. Il volumetto è concepito come una soglia, 47 pagine che recano come sottotitolo Varco al teatro in 101 movimenti, dunque si tratta di un punto da cui entrare per iniziare col teatro e, in seconda battuta, per conoscere la poetica del Teatro delle Albe, approcciandosi in particolare al punto di vista del suo fondatore, il drammaturgo e regista Martinelli.

Ci sembra necessario insistere sul carattere di un testo teorico scritto da chi costruisce mondi drammatici, perché Farsi luogo è dichiaratamente uno scritto di poetica in cerca di un interlocutore, in grado di porsi anche come teoria del teatro e dunque di dialogare con altre teorie, con visioni della scena che non sono del tutto sovrapponibili agli spettacoli di chi le ha prodotte. Martinelli parla a giovani potenziali drammaturghi registi attori o spettatori, ma anche ai “teatri e i suoi doppi”, agli attori biomeccanici, ai teatri epici, alle nuvole di Pasolini e Totò.
Farsi luogo evoca a ogni pagina coppie di termini opposti: invisibile/visibile, utile/inutile, eresia/ortodossia, sapere trasmissibile/lampo non trasmissibile, vittime/persecutori, la risata/il pianto. Nel Farsi luogo di Martinelli e delle Albe «si ride della contrapposizione fra le parole», si cerca un teatro capace di fare convivere gli opposti, di dare legittimità a quel processo di discussione confronto e conflitto che non espunge uno dei due termini, ma crea una tensione.
Farsi luogo è una costellazione di esempi, spunti, suggerimenti, depositati strato per strato negli oltre trent'anni di lavoro delle Albe e che qui riaffiorano come tracce di un fiume carsico da scoprire, pensando alla «Storia del Teatro come un labirinto di segni dispersi nell'aria», come si leggeva nell'introduzione della raccolta di scritti e interventi Primavera eretica (Titivillus, 2013). Si trovano alcuni nomi: Leo e Carmelo, l'Odin e il Living, Grotowski e Kantor, Testori e Streheler, Nietzsche, Martin Buber, Nicolás Gómez Dávila, Josè Emilio Pacheco, Dante. Altri se ne potrebbero rintracciare autonomamente procedendo per assonanze, raccogliendo spunti, formulando ipotesi.
Farsi luogo è però forse, prima di tutto, uno sguardo che proviene dal teatro lanciato al tempo del “pantano”, per usare una formula cara al drammaturgo Martinelli; è un'analisi sul luogo dal quale si crea, tenendo un piede saldo sul terreno dell'esperienza ma cercando in ogni pagina di aprire anche spiragli ideali per rispondere alla domanda: Che fare? Martinelli prende le mosse dalla consapevolezza di una mancanza, quella del coro che fonda il teatro. Scrive che il coro ce lo dobbiamo reinventare, afferma che la macchina della società dello spettacolo va inceppata quotidianamente, sottolinea l'urgenza di una pedagogia come strategia di sopravvivenza degli adulti, sempre più adagiati sul «possibile», e di un teatro che sia esercizio di cittadinanza, anche nella equa gestione organizzativa. Tensioni che nel Farsi luogo di Martinelli corrispondono ai cori dei Palotini di Padre Ubu de I Polacchi, ai plotoni della non-scuola e delle Eresia della felicità, al Teatro Rasi e al suo essere fatto luogo, ormai dal 1991, al meticciato artistico antropologico dei molti Ubu in giro per il pianeta, sottotitolo di un altro importante libro, Suburbia, che nel 2008 raccontava gli Ubu messi in scena da Scampia a Chicago a Diol Kadd, preceduto da Jarry 2000, sempre edito dalla Ubu (qui per un'estesa bibliografia).

Al termine della lettura, si sarebbe tentati di estrapolare gli elementi di tale teatro che si fa luogo, proprio come gli elementi di un teatro epico o povero. Troveremmo al primo posto l'esigenza di dubitare e di dare spazio alla contraddizione, non accontentandosi del «possibile». Vedremmo un teatro che guarda come suoi momenti fondativi all'antica Grecia, alle feste medievali, al dialogo fra Majakovskij e Mejerchol’d nei pressi della Rivoluzione d'ottobre, quando le arti della scena erano parte centrale della vita quotidiana delle persone. Un teatro che adotta la «spirale» come sua rappresentazione simbolica: non la linea di chi ha qualcosa da comunicare a qualcun altro che recepisce, non il cerchio di chi sta dentro e chi sta fuori, ma l'andamento per spire, che potrebbe contenere sia cori che monadi (come si postulava a Santarcangelo 41, edizione diretta da Ermanna Montanari) e che permetterebbe di includere chiunque lasciando sempre aperto un varco. Così facendo avremmo però delineato solo alcuni tratti di un discorso, ma non casualmente Farsi luogo è scritto come fosse in attesa di interlocuzione, a volte anticipando obiezioni, spesso dando forma scritta a parentesi, a divagazioni, a note biografiche («sia detto fra parentesi»).



Farsi luogo è dunque una forma del discorso che invita a rispondere, e così operando invita anche a porsi una domanda sul luogo dal quale si scrive. Si scrive prima di tutto avendo messo a punto una sintassi propria. Marco Martinelli e le Albe parlano da dentro una spirale, chiamano a raccolta, invitano a entrare, sollecitano la creazione di raggruppamenti. Fabbricano un mondo capace di dialogare con altri mondi poetici, con l'ambizione di raccontare discutere criticare il mondo che ci circonda e ci comprende. Scelgono una forma del discorso che include e che avvolge. Sta a noi proseguire, mettendo a fuoco gli elementi del nostro dire, testando le nostre forme, mettendole alla prova della sempre più stringente necessità di farsi luogo.


di Lorenzo Donati


COMPAGNIE


IMMAGINI
 
     

FESTIVAL

marzo-maggio 2018
Planetarium
Osservatorio sul teatro ragazzi

14 - 22 ottobre 2017
Vie Festival 2017
Laboratorio di critica e giornalismo

giugno 2017
Futuri Maestri
Laboratorio Futuri giornalisti

28-31 ottobre 2016
Crisalide
Perché passi un po' di caos libero e ventoso

ottobre 2016
Vie Festival 2016
Arti sceniche internazionali e italiane

22 settembre - 2 ottobre 2016
Contemporanea Festival 2016
Le arti della scena

ottobre 2015
Vie Festival 2015
Arti sceniche internazionali e italiane

1-4 ottobre 2015
Crisalide
Non è successo niente, è ciò che stiamo diventando

25 settembre - 4 ottobre 2015
Contemporanea Festival 2015
Le arti della scena

Febbraio - aprile 2015
Nelle pieghe del Corpo
Virgilio Sieni, Bologna

ottobre 2014 - marzo 2015
Festival Focus Jelinek
Festival per città

9-25 ottobre 2014
Vie Festival 2014 Modena___Emilia
Arti sceniche internazionali

10 - 20 luglio 2014
Santarcangelo · 14
Festival internazionale del teatro in piazza

12 - 21 luglio 2013
Santarcangelo · 13
Festival Internazionale del Teatro in Piazza

aprile 2013
Pinocchio della non-scuola
Immagini a cura di Osservatorio Fotografico, note a margine su Pinocchio

5-13 ottobre 2012
Tempo Reale Festival
Ricerche musicali contemporanee

14 - 23 luglio 2012
SANTARCANGELO •12
Festival internazionale del teatro in piazza

Primavera 2012
Vie Scena Contemporanea Festival
Arti sceniche internazionali

Marzo 2012
BilBolbul 2012
fumetto, illustrazione, disegno

ottobre 2011
Vie Scena Contemporanea Festival
Teatro internazionale a Modena, Carpi, Vignola e limitrofi

Settembre 2011
Arca Puccini - Musica per combinazione
Rock indipendente italiano e internazionale