Email Facebook Twitter
NEWS

19/05/2017
Maggio all'infanzia, dal 17 al 21 maggio a Bari


04/05/2017
Ivrea Cinquanta – Mezzo secolo di Nuovo Teatro in Italia 1967 – 2017. Genova, 5-7 maggio


29/03/2017
Un teatro in mezzo ai campi: 8 aprile con le Ariette


24/03/2017
''La formazione del nuovo pubblico'': un convegno sabato 25 marzo ad Albenga


28/02/2017
“Comizi d’amore”, open call per registi/drammaturghi e attori under 35 di Kepler-452


11/01/2017
La cultura nell'economia italiana: il 13 gennaio un convegno a Bologna


05/12/2016
Impertinente Festival: il teatro di figura a Parma, dal 7 all'11 dicembre


07/10/2016
Master in imprenditoria dello spettacolo, Bologna, anno accademico 2016-2017


23/09/2016
Infanzia e città a Pistoia, dal 24 settembre al 5 novembre 2016


03/09/2016
Dalla Cultura alla Scuola: ''Cosa abbiamo in Comune'', il 7 settembre a Bologna


31/08/2016
Electro Camp – International Platform for New Sounds and Dance, a Forte Marghera dal 7 all'11 settembre


26/07/2016
Sulla scena. Gli Asini n. 33-34, maggio/agosto 2016


07/07/2016
Il convegno ''Performing, Writing'': Wellington, Nuova Zelanda, marzo 2017


09/06/2016
La Meglio Gioventù: il centro estivo e i laboratori di Angelo Mai e Teatro delle Albe


01/06/2016
La letteratura per ragazzi e l’albo illustrato: tre giorni a cura di Hamelin, 24-26 giugno a Monte Sole


25/05/2016
Praxis scuola di filosofia, “Tecnica e vita”, 28-29-30 luglio 2016, Forlì


11/05/2016
Il Play Fight Camp di Bruno Caverna, un corso residenziale dal 19 al 29 giugno ad Arezzo


06/05/2016
La ''Giornata del Funaro per il Teatro'' e l'apertura dell'Archivio Teatrale Andres Neumann. 7 maggio 2016 a Pistoia


05/05/2016
Patahappening: il Patalogo, il teatro, l'editoria. 11 maggio 2016 a Bologna


22/04/2016
"Per un teatro d’impresa", un corso sull'organizzazione dello spettacolo dal vivo. Teatro dell’Orologio, novembre 2016 - maggio 2017


TWITTER

Download pdf


Scarabocchi : il taedium vitae che si fa beffe della morte



“Che foto metterai sulla tua lapide?” Chiede l'uomo alla donna. Interviene l'uomo elegante. “Io ci metterò uno specchio”.

Un uomo ben vestito, alcolista. Una donna, depressa e sola. E un uomo che, portando sulla schiena una lapide che vediamo essere la sua, cerca in tutti i modi di sdrammatizzare la propria condizione. Tre personaggi che non hanno un nome, ma che si identificano con necessità e attitudini dei personaggi stessi: tre “maschere” che rappresentano quindi il ritiro sociale, la rassegnazione e il distacco.
Tratto da “Gli scarabocchi di Maicol&Mirco”, il regista e drammaturgo Andrea Fazzini, con i suo progetto Teatro Rebis, mette in scena l'amara rassegnazione dell'ineluttabile, dove tutti gli elementi della scrittura scenica convergono in un'unica stimmung: il taedium vitae.
I protagonisti provano infatti ad accettare la vita e l'inevitabile destino di morte che essa comporta in maniera diversa. L'attore che “impersona” il distacco tenta, attraverso vari escamotages comico/ironici di deviare l'attenzione dalla proprie ossessioni. Ma i suoi sforzi sono destinati a fallire: con incostanti manifestazioni emotive, esplode per poi svuotarsi, tenta di correre, di saltare ma esaurisce l'energia in breve tempo fino poi ad uccidersi col raggiungimento del climax drammatico. La donna, che scoraggiata e stremata si rinchiude in uno spazio sempre più ristretto della scena, finisce col ritrarsi inerme nel vuoto del silenzio e dell'immobilità, in segno di estrema rinuncia. Quell'uomo ben vestito invece, atrofizzato dal quotidiano rifugge il presente attraverso l'abuso di alcol, e tenta di dare un senso a tutta la sua sofferenza con vane considerazioni di carattere esistenziale. Nello spettacolo non vi è una vera e propria trama: la narrazione si incentra soprattutto sul sentire dei personaggi, che hanno a disposizione il solo momento presente per spiegare al pubblico di stare aspettando la fine. Ciò che succede in scena è allora un mezzo atto a giustificare le riflessioni che i protagonisti propongono, ciò che conta è poter ridere di tutti gli eventi che si presentano a loro, e porre l'attenzione sull'interiorità umana.

La noia di vivere che pervade l'intero spettacolo, pulsante e crescente, segue dunque una dinamica scandita da diversi cicli di consapevolezza. In questo, la scenografia assume un compito fondamentale all'interno del disegno drammatico: nel suo essere quasi completamente priva di elementi veicola autonomamente il senso della tensiva progressione della narrazione, ponendo l'aspetto dialogico ad uno stato di temporanea subordinazione. L'ambiente scenico neutro diventa quindi “segno” e in quanto tale ha un valore semantico. Sembra voler simboleggiare in alcuni momenti il passaggio da una dimensione ad un'altra, come se vi fosse uno spostamento di luogo, ma non esplicitandolo attraverso espedienti visivi, quanto attraverso l'utilizzo del linguaggio non verbale. L'impiego del white noise nelle parti musicali sottolinea i momenti di maggior disorientamento, nel quale il regista porta consapevolmente lo spettatore per confonderlo e stordirlo, lasciando più al silenzio che alla parola il ruolo di narratore. Allo stesso modo la sottrazione degli elementi scenici fornisce la possibilità di concentrare l'attenzione su altri necessari fattori, quali l'utilizzo ambientale della luce e del suono. Lo sfondo visivo diviene allora “scrittura” nella misura in cui i vari oggetti presenti sul palco, siano essi utensili, strumenti usati dai personaggi o i personaggi stessi nei loro automatismi comportamentali, non esistano più per essere visti ma per essere esperiti
Così anche i movimenti degli attori assumono la forma di una complessa “partitura gestuale”, andando ad alimentare una rappresentazione delle profondità umane come multiforme “dialogo corale”, dei personaggi a livello intrapsichico ed intersoggettivo, ma soprattutto dei personaggi con lo spazio in cui sono inseriti.


(ph Marco Biancucci_Cantiere 12)

Il “Motto di spirito”, rappresenta uno dei processi cardine della teoria freudiana,un processo atto a scaricare le emozioni con una funzione catartica, ed è proprio attraverso l'ironia, seppur amara, che “Scarabocchi” mette in scena situazioni di vita quotidiana ed emozioni che in qualche modo accomunano ogni essere umano, in vari momenti della propria vita. Riflessioni che diventano quindi veri e propri atti linguistici, con una propria semiotica e che vanno a toccare e a influenzare direttamente le manifestazioni fenomeniche dell'esistenza umana, laddove i protagonisti, il cui mandato pare essere quello di rappresentare gli archetipi delle vicende umane, si ritrovano proiettati in una dimensione prima superficiale, poi profonda. Luoghi differenti che segnano la presa di coscienza riguardo al proprio sentire, dove le emozioni prima vengono negate, poi discusse, ed infine interiorizzate.Un richiamo alla drammaturgia dell'angustia tipica di A porte chiuse di Sartre, dove i personaggi sono costretti a condividere il medesimo spazio e a confrontarsi prima con gli altri e poi con se stessi.

Il fine di Scarabocchi pare allora essere quello di trattare le grandi tematiche riguardanti l'uomo, la vita, il tempo, e la morte. Non potendo però dare risposta tali assillanti domande,  il tutto pare ridursi alla consapevolezza di come sia inutile tentare di risolvere tali enigmi. La seriosità che per buona parte è centrale sulla scena si sgonfia, trasfigurandosi in amenità, in battuta, in motto di spirito appunto: “ Ammazzare il tempo nell'attesa”, così recita “l'uomo elegante”, con disillusa arguzia che pare riassumere l'andamento dell'intero spettacolo.


di Ilaria Mazzari


COMPAGNIE


IMMAGINI
 
     

FESTIVAL

giugno 2017
Futuri Maestri
Laboratorio Futuri giornalisti

28-31 ottobre 2016
Crisalide
Perché passi un po' di caos libero e ventoso

ottobre 2016
Vie Festival 2016
Arti sceniche internazionali e italiane

22 settembre - 2 ottobre 2016
Contemporanea Festival 2016
Le arti della scena

ottobre 2015
Vie Festival 2015
Arti sceniche internazionali e italiane

1-4 ottobre 2015
Crisalide
Non è successo niente, è ciò che stiamo diventando

25 settembre - 4 ottobre 2015
Contemporanea Festival 2015
Le arti della scena

Febbraio - aprile 2015
Nelle pieghe del Corpo
Virgilio Sieni, Bologna

ottobre 2014 - marzo 2015
Festival Focus Jelinek
Festival per città

9-25 ottobre 2014
Vie Festival 2014 Modena___Emilia
Arti sceniche internazionali

10 - 20 luglio 2014
Santarcangelo · 14
Festival internazionale del teatro in piazza

12 - 21 luglio 2013
Santarcangelo · 13
Festival Internazionale del Teatro in Piazza

aprile 2013
Pinocchio della non-scuola
Immagini a cura di Osservatorio Fotografico, note a margine su Pinocchio

5-13 ottobre 2012
Tempo Reale Festival
Ricerche musicali contemporanee

14 - 23 luglio 2012
SANTARCANGELO •12
Festival internazionale del teatro in piazza

Primavera 2012
Vie Scena Contemporanea Festival
Arti sceniche internazionali

Marzo 2012
BilBolbul 2012
fumetto, illustrazione, disegno

ottobre 2011
Vie Scena Contemporanea Festival
Teatro internazionale a Modena, Carpi, Vignola e limitrofi

Settembre 2011
Arca Puccini - Musica per combinazione
Rock indipendente italiano e internazionale