Email Facebook Twitter
NEWS

26/04/2018
Osservatorio sul festival Ipercorpo: aperte le iscrizioni


20/03/2018
Direction Under 30: aperto il bando per candidarsi


20/03/2018
Planetarium ai festival di teatro-ragazzi


19/03/2018
Teatro e giovani generazioni: un incontro-dibattito a Castelfiorentino


10/11/2017
Performing Gender: gran finale a Bologna


08/11/2017
Master in Imprenditoria dello spettacolo 17-18, Università di Bologna


07/11/2017
Con occhi nudi: un itinerario al femminile


05/11/2017
Lettera 22. Premio giornalistico nazionale di critica teatrale under 36


04/09/2017
Cornice Aperta. Aperitivo con gli artisti del Festival Danza Urbana


19/05/2017
Maggio all'infanzia, dal 17 al 21 maggio a Bari


04/05/2017
Ivrea Cinquanta – Mezzo secolo di Nuovo Teatro in Italia 1967 – 2017. Genova, 5-7 maggio


29/03/2017
Un teatro in mezzo ai campi: 8 aprile con le Ariette


24/03/2017
''La formazione del nuovo pubblico'': un convegno sabato 25 marzo ad Albenga


28/02/2017
“Comizi d’amore”, open call per registi/drammaturghi e attori under 35 di Kepler-452


11/01/2017
La cultura nell'economia italiana: il 13 gennaio un convegno a Bologna


05/12/2016
Impertinente Festival: il teatro di figura a Parma, dal 7 all'11 dicembre


07/10/2016
Master in imprenditoria dello spettacolo, Bologna, anno accademico 2016-2017


23/09/2016
Infanzia e città a Pistoia, dal 24 settembre al 5 novembre 2016


03/09/2016
Dalla Cultura alla Scuola: ''Cosa abbiamo in Comune'', il 7 settembre a Bologna


31/08/2016
Electro Camp – International Platform for New Sounds and Dance, a Forte Marghera dal 7 all'11 settembre


TWITTER

Download pdf


Little Europa e il teatro quotidiano. Cartolina da Castrovillari

Castrovillari, Calabria. Primavera dei Teatri è la conferma dell'esistenza di un teatro prossimo alla vita quotidiana. Da oltre quindici edizioni, il gruppo di lavoro della compagnia Scena Verticale costruisce un'occasione per condividere, discutere, vedere il teatro italiano odierno. Sembra scontato, quando si parla di un festival, eppure rintracciare un luogo in cui sia possibile farsi un'idea delle direzioni del teatro attuale, quali le domande, quali i gruppi che le stiano sostenendo sta diventando sempre più complicato. A Castrovillari questo accade, forse anche grazie alla “semplicità” di una linea curatoriale che evita attraversamenti “tematici” che spesso rischiano di apparire posticci, né di rincorrere un mercato comunque ingessato attraverso vetrine internazionali. Primavera dei Teatri fotografa lo stato dell'arte, attenta in particolare a quegli artisti che scelgono di lavorare attorno a letterature e drammaturgie scritte, ridiscutendo la figura dell'attore, la sua attualità. Costruire un luogo di ospitalità e confronto, sapere offrire agli spettatori (di tutte le provenienze e competenze) una “lente teatrale” per potere osservare il presente, ci pare proprio oggi una missione importante e necessaria.


Little Europa di Vico Quarto Mazzini, regia di Michele Altamura e Gabriele Paolocà

La diciassettesima edizione del festival ha ospitato anteprime e debutti, come sempre affiancando nomi affermati a percorsi emergenti. Qui ci soffermeremo su Little Europa di Vico Quarto Mazzini, per la regia di Michele Altamura e Gabriele Paolocà, con in scena gli stessi registi e con Gemma Carbone e Maria Teresa Tanzarella, spettacolo prodotto fra gli altri da Teatri di Bari, Gli Scarti con il sostegno di Straligut Teatro, Corte Ospitale, FuoriLuogo, Jobel Teatro. Scegliamo di raccontare brevemente questo lavoro per il tentativo oggi sempre più raro di fare i conti con le possibilità di apertura di una narrazione a tratti fiabesca, attestandosi in un registro spesso iperbolico e grottesco. Rifacendosi a un testo di Henrik Ibsen (Il piccolo Heyolf), di fronte a noi vediamo l'evolversi di una relazione amorosa in una casa scenografata Ikea. Lei è una madre donna in carriera alta, bionda, altolocata, chic, parla solo in inglese (Gemma Carbone); lui (Michele Altamura) torna a casa dopo un periodo di assenza, è bassetto, curvo, veste una tuta sportiva. Parlano ma non si comprendono, l'incomunicabilità è palese. Entra il loro figlio, Europa (Gabriele Paolocà). Vive recluso in una casa-torre alla maniera di un calderoniano Sigismondo; storpio, cammina storto, biascica qualche rumore, indossa un costume che lo rende mostruoso, incrocio fra Elephant Man e Calibano. Quando piange i genitori litigano e non lo ascoltano, lui sbatte i polsi, cade, si contorce, sbava, rantola. Una voce off conduce il racconto in perfetto codice cinematografico, gli strumenti della narrazione sono così spudoratamente declinati in stilemi che a conti fatti iniziamo a credere a tutto questo pathos. Europa grida, piange, viene abbandonato a terra, e a noi un po' ci si stringe il petto. La madre lo picchia, lo imbocca, lo storpio sputa. Ora il narratore, con la sua voce impostata, interrompe l'andamento live e introduce una nuova scena. Entra una tata che come Mary Poppins farà studiare, sognare, ridere il reietto, veniamo avvisati del fatto che si tratta solo di un un sogno di Europa, che non appena sveglio scaricherà la sua furia sulla scena, ribaltando tavoli e divani, sino a un finale post-apocalittico.
Il maggior pregio del lavoro è forse anche il suo limite, ma su tale “rischio” vale la pena interrogarsi. Quello di Vico Quarto è un teatro che maneggia l'emozione, la prende di petto, la manipola abilmente. Si fonda molto sulla caratterizzazione dei personagggi, sul rendersi credibili di attori che “calzano” i personaggi con una bella precisione. Di fronte a noi una scenografia realistica, con tanto di piantana curva in design, che ospita “davvero” una famigliola e il loro dibattere, e le loro grida, e i pianti di un figlio storpio. Così l'iperbole, a teatro, finisce inevitabilmente per smascherarsi da sé, fornendo a chi guarda gli anticorpi contro una fraudolenta manipolazione, permettendoci di stare al gioco. Si tratta di un confine molto esile, quello praticato da Vico Quarto, da rinnovare lavoro dopo lavoro, replica dopo replica, proprio per non “ricattare” chi sta seduto in platea.
Allora molto di più che attorno all'esile riflessione sul carattere posticcio del processo di integrazione Europea (riflessione invero non sviluppata), più che sull'intreccio drammaturgico/fiabesco, sovraccarico sino all'eccesso di “peripezie”, è sul carattere “patetico” della narrazione (di ogni narrazione?), e sul nostro bisogno di un certo calore emotivo che ci interroga Little Europa. Su tale direzione, che pare aperta a molteplici letture e stratificazioni, probabilmente varrà la pena dibattere anche in futuro.
Ci sembra questa una questione linguistica non di poco conto, che può forse soddisfare la richiesta di coinvolgimento e intrattenimento solitamente appannaggio di drammoni cinematografici o reality televisivi. Il teatro può dimostrare di sapere toccare corde quotidiane, può parlare a noi tutti, farsi riconoscere, ma al contempo sfuggire, mimetizzarsi per poi spaesarci? Forse è qualcosa di simile a quanto è accaduto, su un piano diverso, in questi ultimi anni ai cittadini di Castrovillari, camminando per le strade, osservando le locandine dei festival: un compleanno dove il festeggiato affonda il viso nella torta, un uomo di mezza età che prende il sole con la sua sdraio di fronte a un mare di fumi industriali, un babbo natale che pare incatenato dalle lucine delle feste, un uomo in giacca cravatta cappello che indossa una maschera antigas. Nel 2016, una donnona bionda seduta sola su un divano rosso, quasi un cartoon che si sbalza in un interno domestico con pareti verdi e pavimenti blu. Perché è sola? Cosa sta guardando? Possiamo fare qualcosa per non lasciarla così?  Domande degli spettatori, domande di un teatro che abita una città.










di Lorenzo Donati
 

IMMAGINI
 
     

FESTIVAL

marzo-maggio 2018
Planetarium
Osservatorio sul teatro ragazzi

14 - 22 ottobre 2017
Vie Festival 2017
Laboratorio di critica e giornalismo

giugno 2017
Futuri Maestri
Laboratorio Futuri giornalisti

28-31 ottobre 2016
Crisalide
Perché passi un po' di caos libero e ventoso

ottobre 2016
Vie Festival 2016
Arti sceniche internazionali e italiane

22 settembre - 2 ottobre 2016
Contemporanea Festival 2016
Le arti della scena

ottobre 2015
Vie Festival 2015
Arti sceniche internazionali e italiane

1-4 ottobre 2015
Crisalide
Non è successo niente, è ciò che stiamo diventando

25 settembre - 4 ottobre 2015
Contemporanea Festival 2015
Le arti della scena

Febbraio - aprile 2015
Nelle pieghe del Corpo
Virgilio Sieni, Bologna

ottobre 2014 - marzo 2015
Festival Focus Jelinek
Festival per città

9-25 ottobre 2014
Vie Festival 2014 Modena___Emilia
Arti sceniche internazionali

10 - 20 luglio 2014
Santarcangelo · 14
Festival internazionale del teatro in piazza

12 - 21 luglio 2013
Santarcangelo · 13
Festival Internazionale del Teatro in Piazza

aprile 2013
Pinocchio della non-scuola
Immagini a cura di Osservatorio Fotografico, note a margine su Pinocchio

5-13 ottobre 2012
Tempo Reale Festival
Ricerche musicali contemporanee

14 - 23 luglio 2012
SANTARCANGELO •12
Festival internazionale del teatro in piazza

Primavera 2012
Vie Scena Contemporanea Festival
Arti sceniche internazionali

Marzo 2012
BilBolbul 2012
fumetto, illustrazione, disegno

ottobre 2011
Vie Scena Contemporanea Festival
Teatro internazionale a Modena, Carpi, Vignola e limitrofi

Settembre 2011
Arca Puccini - Musica per combinazione
Rock indipendente italiano e internazionale