Email Facebook Twitter
NEWS

10/11/2017
Performing Gender: gran finale a Bologna


08/11/2017
Master in Imprenditoria dello spettacolo 17-18, Università di Bologna


07/11/2017
Con occhi nudi: un itinerario al femminile


05/11/2017
Lettera 22. Premio giornalistico nazionale di critica teatrale under 36


04/09/2017
Cornice Aperta. Aperitivo con gli artisti del Festival Danza Urbana


19/05/2017
Maggio all'infanzia, dal 17 al 21 maggio a Bari


04/05/2017
Ivrea Cinquanta – Mezzo secolo di Nuovo Teatro in Italia 1967 – 2017. Genova, 5-7 maggio


29/03/2017
Un teatro in mezzo ai campi: 8 aprile con le Ariette


24/03/2017
''La formazione del nuovo pubblico'': un convegno sabato 25 marzo ad Albenga


28/02/2017
“Comizi d’amore”, open call per registi/drammaturghi e attori under 35 di Kepler-452


11/01/2017
La cultura nell'economia italiana: il 13 gennaio un convegno a Bologna


05/12/2016
Impertinente Festival: il teatro di figura a Parma, dal 7 all'11 dicembre


07/10/2016
Master in imprenditoria dello spettacolo, Bologna, anno accademico 2016-2017


23/09/2016
Infanzia e città a Pistoia, dal 24 settembre al 5 novembre 2016


03/09/2016
Dalla Cultura alla Scuola: ''Cosa abbiamo in Comune'', il 7 settembre a Bologna


31/08/2016
Electro Camp – International Platform for New Sounds and Dance, a Forte Marghera dal 7 all'11 settembre


26/07/2016
Sulla scena. Gli Asini n. 33-34, maggio/agosto 2016


07/07/2016
Il convegno ''Performing, Writing'': Wellington, Nuova Zelanda, marzo 2017


09/06/2016
La Meglio Gioventù: il centro estivo e i laboratori di Angelo Mai e Teatro delle Albe


01/06/2016
La letteratura per ragazzi e l’albo illustrato: tre giorni a cura di Hamelin, 24-26 giugno a Monte Sole


TWITTER

Download pdf


Rappresentazioni di rappresentazioni. Fiorenza Menni e Marta dell'Angelo

Si sta seduti al centro dello spazio, sul pavimento di assi di legno dell'Ateliersi di Bologna. Non si sa bene dove guardare, finché su un lato entra una ragazza. È di spalle, sta di fronte a un fondale luminoso bianco, parla con qualcuno a cui sta dando indicazioni per un allestimento, come se stessimo sentendo una conversazione privata. La luce della sala si sposta in una zona a lei speculare, per guardare dobbiamo voltarci di 180 gradi. Una larga tela bianca copre gran parte dello spazio sul fondo. Entra un gruppo di allestitori con scotch, trapani, matite, pennelli, barattoli di tempera, pennarelli, viti, metri flessibili, livelle. Nel silenzio cresce un ritmo soffuso, che gradualmente si colora di attutite aritmie dubstep. Ci giriamo nuovamente, ora stanno di fronte a noi due bambine. Serissime, eseguono una sorta di partitura gestuale astratta, le braccia si tendono come a mimare un volo. Ci guardano. Dalla parte opposta intanto gli allestitori parlottano, impegnati in un compito che inizialmente appare una come la spettacolarizzazione di una sequenza di azioni “non rappresentabili”, azioni dunque che si fanno prima ma non sufficienti per essere mostrate (creano cornici con lo scotch, delimitano aree della tela, avvitano ecc.). Lacerti di un discorso iniziano a manifestarsi sulla tela, vengono create alcune scritte («tutt'apposto») al fianco di immagini di donne, sagome di mani, fotografie di ginnaste. È a questo punto che una vera ginnasta entra nello spazio e ci osserva con arroganza. Senza remore ci impone di spostarci. La vaporosità di quanto visto sinora, al limite fra rappresentazione e sua destrutturazione, assume un'improvvisa densità, anche qui siamo infatti al cospetto di una figura che recita se stessa ma in un contesto smaccatamente ricostruito, è improvvisamente “finta” e per questo più vera. La donna esegue un mantra vocale appena udibile, per prepararsi impreca e maledice mentre i subwoofer rintoccano colpi cadenzati come se qualcosa di minaccioso stesse per incombere. L'atleta indossa una tuta aderente scura, guarda noi e lo spazio, continua a prepararsi e a pensare la sua esibizione, noi continuiamo ad sentirla come se potessimo udire il brulicare dei suoi pensieri prima dell'atto.



Gradualmente la tela viene abitata e sempre più figure vi s'imprimono, si crea così un dialogo obliquo fra le sue figure e le presenze in carne e ossa. Vediamo una sequenza di aforismi visuali, parziale ricostruzione dell'opera Manuale della figura umana di Marta Dell'Angelo, pubblicata anche in forma di libro nel 2007 (edizione Gli Ori): immagini di tuffi, cornicette che contengono fotografie di gambe femminili, al centro disegni di mani che sembrano illustrare i segni dell'alfabeto per sordi, proverbi rivisitati che divengono quasi calembour («sono sempre gli stessi che se ne vanno», «occhio di lince cuore non duole»), la sagoma di schiena in bianco e nero di una donna nuda intenta a spiccare il volo apposta nella parte bassa della tela, sul limite destro una bambina inquietante dell'apparente consistenza di un cartoon digitale, citazioni sull'arte (Courbet: «Non posso dipingere quello che non vedo. Non ho mai veduto uomini con le ali. Come potrei dipingere un angelo?»). Poi altri disegni di corpi che sembrano citare gli aggrovigli di Escher, ma anche le curve in grafite di un Mannelli, solo per riferire due assonanze in una molteplicità di possibili rimandi.



Questo Manuale della figura umana. Allestimento di un impaginato firmato da Fiorenza Menni e dalla stessa Dell'Angelo (a cura di Ateliersi e Nosadella.due, visto in occasione di Artefiera il 19 gennaio 2016) riporta continuamente al centro un'interrogazione sul guardare, è una costruzione live di cornici che contengono cornici con all'interno altre cornici. Qui è come se l'opera dell'arte fosse il passaggio costante e fluido da una all'altra, con momenti di forte impatto e consapevolezza che si producono proprio quando ci si accorge di quei passaggi, come se lì ci fosse una possibilità più acuta per cogliere un lacerto di verità, come se lo sbandamento dell'arte potesse oggi prodursi con maggiore esattezza nello smontaggio del meccanismo del guardare, anche quando quello che vediamo o sentiamo ci appare falso proprio in virtù di tale smontaggio (d'improvviso lo sguardo cade sulla consolle, si scorge allora il dj che con trasporto danza sulle sue stesse note. Ma quanto la sua danza “è danzata” dallo stereotipo che tutti abbiamo del clubbing? E quanto le sue melodie sincopate costruiscono un'atmosfera di accondiscendenza linguistica?). Ci si chiede dunque cosa ci sia dietro le cornici, cosa resterebbe se le togliessimo tutte. Che cosa vedremmo? Qui intanto siamo guidati a reimparare a vedere “i corpi”, dunque noi stessi e i nostri archivi di scomposizioni riassemblaggi ricostruzioni. Un'ipotesi credibile, e ce se sono pochissime, per una rappresentazione non menzognera della realtà.

(tutte le foto sono di Luca Del Pia)


di Lorenzo Donati


COMPAGNIE


IMMAGINI
 
     

FESTIVAL

14 - 22 ottobre 2017
Vie Festival 2017
Laboratorio di critica e giornalismo

giugno 2017
Futuri Maestri
Laboratorio Futuri giornalisti

28-31 ottobre 2016
Crisalide
Perché passi un po' di caos libero e ventoso

ottobre 2016
Vie Festival 2016
Arti sceniche internazionali e italiane

22 settembre - 2 ottobre 2016
Contemporanea Festival 2016
Le arti della scena

ottobre 2015
Vie Festival 2015
Arti sceniche internazionali e italiane

1-4 ottobre 2015
Crisalide
Non è successo niente, è ciò che stiamo diventando

25 settembre - 4 ottobre 2015
Contemporanea Festival 2015
Le arti della scena

Febbraio - aprile 2015
Nelle pieghe del Corpo
Virgilio Sieni, Bologna

ottobre 2014 - marzo 2015
Festival Focus Jelinek
Festival per città

9-25 ottobre 2014
Vie Festival 2014 Modena___Emilia
Arti sceniche internazionali

10 - 20 luglio 2014
Santarcangelo · 14
Festival internazionale del teatro in piazza

12 - 21 luglio 2013
Santarcangelo · 13
Festival Internazionale del Teatro in Piazza

aprile 2013
Pinocchio della non-scuola
Immagini a cura di Osservatorio Fotografico, note a margine su Pinocchio

5-13 ottobre 2012
Tempo Reale Festival
Ricerche musicali contemporanee

14 - 23 luglio 2012
SANTARCANGELO •12
Festival internazionale del teatro in piazza

Primavera 2012
Vie Scena Contemporanea Festival
Arti sceniche internazionali

Marzo 2012
BilBolbul 2012
fumetto, illustrazione, disegno

ottobre 2011
Vie Scena Contemporanea Festival
Teatro internazionale a Modena, Carpi, Vignola e limitrofi

Settembre 2011
Arca Puccini - Musica per combinazione
Rock indipendente italiano e internazionale