Email Facebook Twitter
NEWS

26/04/2018
Osservatorio sul festival Ipercorpo: aperte le iscrizioni


20/03/2018
Direction Under 30: aperto il bando per candidarsi


20/03/2018
Planetarium ai festival di teatro-ragazzi


19/03/2018
Teatro e giovani generazioni: un incontro-dibattito a Castelfiorentino


10/11/2017
Performing Gender: gran finale a Bologna


08/11/2017
Master in Imprenditoria dello spettacolo 17-18, Università di Bologna


07/11/2017
Con occhi nudi: un itinerario al femminile


05/11/2017
Lettera 22. Premio giornalistico nazionale di critica teatrale under 36


04/09/2017
Cornice Aperta. Aperitivo con gli artisti del Festival Danza Urbana


19/05/2017
Maggio all'infanzia, dal 17 al 21 maggio a Bari


04/05/2017
Ivrea Cinquanta – Mezzo secolo di Nuovo Teatro in Italia 1967 – 2017. Genova, 5-7 maggio


29/03/2017
Un teatro in mezzo ai campi: 8 aprile con le Ariette


24/03/2017
''La formazione del nuovo pubblico'': un convegno sabato 25 marzo ad Albenga


28/02/2017
“Comizi d’amore”, open call per registi/drammaturghi e attori under 35 di Kepler-452


11/01/2017
La cultura nell'economia italiana: il 13 gennaio un convegno a Bologna


05/12/2016
Impertinente Festival: il teatro di figura a Parma, dal 7 all'11 dicembre


07/10/2016
Master in imprenditoria dello spettacolo, Bologna, anno accademico 2016-2017


23/09/2016
Infanzia e città a Pistoia, dal 24 settembre al 5 novembre 2016


03/09/2016
Dalla Cultura alla Scuola: ''Cosa abbiamo in Comune'', il 7 settembre a Bologna


31/08/2016
Electro Camp – International Platform for New Sounds and Dance, a Forte Marghera dal 7 all'11 settembre


TWITTER

Download pdf


Perché è importante andare a Ipercorpo, a Forlì fino al 31 maggio

La prima edizione si era svolta a Forlì nel 2006 come ideale prosecuzione di un network di compagnie, legate a un libro curato da Paolo Ruffini e a una rassegna voluta da Santasangre al Kollatino Underground. Si svolgeva nelle sale squadrate di capannoni industriali a Terra del Sole, i “Magazzini Interstock”. Negli anni ha trovato nuovi spazi assecondando una tensione a rivolgere domande complesse alla propria città, diventando gradualmente punto di riferimento per le arti sceniche in Romagna. Ipercorpo è un progetto della compagnia Città di Ebla, è iniziato il 28 maggio e prosegue sino a domenica 31 alla Fabbrica delle Candele di Forlì. Ci si va per incontrare un “discorso in atto”, quello di alcune compagnie della ricerca teatrale e performativa italiana, ma anche quello di un festival che quest'anno si avvale dell'idea di Presidio come di un'ideale lente per osservare e modificare il paesaggio che lo circonda. Ipercorpo programma insieme ricerche performative e musicali, scommettendo fin dalla prima edizione su un'intuizione di affinità linguistica, ma organizza ultimamente anche “piattaforme” che presentano le compagnie italiane a operatori stranieri; altro filo conduttore degli ultimi anni è l'aver ancorato la propria indagine agli spunti offerti dalla Collezione Verzocchi, un patrimonio di dipinti “letto” come un archivio con il quale attivare risonanze con le arti della scena (Articolo 1, Tu sei qui, Come funziono sono i “nomi” associati alle ultime edizioni).


Rinoceronte indiano di Davide Rivalta per Ipercorpo

Ieri abbiamo attraversato la prima serata, incontrando compagnie le cui opere saranno in programma anche questa sera, 29 maggio. Strettamente Confidenziale di gruppo nanou (in replica fino al 31) è una soglia d'ingresso concreta e metaforica per il festival stesso. Per l'occasione il lavoro di nanou assume il titolo di Doppio Sogno, schnitzlerianamente sfumando i contorni fra dentro e fuori, fra realtà e finzione, fra qui ed ora della danza e sua gestualità che evoca tracce e ricordi passati. Si entra e si può sostare in una stanza rossa occupata dalla silhouette in ferro di una gabbia oppure ci si può spingere verso un'altra stanza che ospita la sezione di una camera. Qui lo spazio è troppo piccolo per contenere le presenze umane, costrette ad arcuarsi, a prodursi in verticali che appoggiano gli arti inferiori su una radio d'epoca, a cadere a terra come a mostrare un omicidio a cui venga sottratta la dinamica scatenante, lo svolgimento. Realizziamo di essere diventati i personaggi che osservano la metonimia di una metonimia: le figure (tre donne in sottoveste, un uomo e una donna in pantalone scuro e camicia bianca) si muovono “inquadrate” dentro a qualcosa che le contiene –  la parte per il tutto – mentre noi siamo contenuti nelle stanze e nel corridoio di nanou, altra parte per il tutto. Le vediamo rinchiudersi rannichiando e rimpicciolendo il corpo, usare gli arti come contrappesi servendosi delle braccia come primati; le vediamo arcuare il corpo all'indietro fino a creare un ponte, oppure spostare il peso in avanti piegando una gamba con il volto coperto dai capelli, in figurazioni dal vago sapore metafisico. Odiamo un fondo melmoso di flutti sonori, un impasto denso di onde di chitarra elettrica solo a tratti interrotto da accordi e melodie. Usciamo. Saremo davvero “fuori”?


Strettamente Confidenziale di gruppo nanou

Dopo il labirinto, si presenta a noi una partita a scacchi. È il Teatrino Giullare con il suo Finale di partita, spettacolo rivelazione del 2006 e per nulla invecchiato. È Beckett che viene recitato da due manipolatori con maschere e dalle loro “protesi”, due burattini di legno su una scacchiera da tavolo, con Nagg e Nell che spuntano sottoforma di scheletrini da due piccoli bidoni. Echi kantoriani e klesitiani si fondono in una messa in scena che pare limitarsi a “presentare”  senza rappresentare, via maestra per manifestare queste presenze per come sono, che si tratti di oggetti o di esseri viventi non fa distinzione. Le celeberrime battute di Beckett («al di fuori di qui, la morte», «Ma non può darsi che abbiamo un qualche significato?», «Che cosa vedi? Vedo.. una folla in delirio») grazie al Giullare assumono una verità inedita, basata su una sovrapposizione di vita e morte del tutto aderente al sostrato filosofico beckettiano. Una messa in scena definitiva, verrebbe da dire, per un testo che ha trovato la sua esatta forma.


Finale di Partita di Teatrino Giullare

Chiude la serata il suggestivo concerto dei Blind Cave Salamander, ospitato dentro a un autobus con le porte aperte. «Non è tempo di confronti attorno allo ‘stato delle cose’, piuttosto ci preme condividere una versione empirica del nostro comunicare e fare musica». A scrivere sono i curatori del programma musicale Davide Fabbri ed Elisa Gandini. Non vi pare questo un atteggiamento “sano”, punto di partenza che permette un confronto concreto fra l'opera e il suo contesto? Abbiamo infatti attraversato una stagione forse troppo alambiccata attorno a domande sul senso dei festival, sulla loro funzione, una stagione probabilmente necessaria ma che è giunto il momento di accompagnare con l'apertura di porte e le formulazione di proposte non solo interne. Anche per questo colpisce e stupisce l'oggetto ritmico non identificato ad opera dei Dewey Dell, il terzo spettacolo della serata prima del finale musicale. Teodora, Demetrio, Agata Castellucci ed Eugenio Resta ci attendono dietro a un tavolo/consolle apparecchiato con strumentazioni musicali elettroniche. Come dei dj inziano a manovrare tastiere, laptop, batterie elettroniche, il ritmo percussivo invade l'aria e vira verso tinte trance, si sarebbe portati al ballo, all'abbandono ritmico, non fosse che i musicisti prendono a recitare. O, meglio, a muoversi, a reagire al ritmo tramite una gestualità corporea che a noi pare in bilico fra racconto e astrazione, fra disegno coreografico e istintualità del ballo. Fendenti di braccia tese, balzi sul tavolo, partiture di braccia e gambe, “sfoghi” tribali abbandonando lo strumento e danzando di fronte al tavolo. Una musica gestuale e una danza musicata? Sembra di potere assistere a ciò che ogni compositore elettronico immaginiamo faccia nel privato della sua sala prove: dare un volto ai bassi, mimare le vibrazioni alte, dare corpo al percepire percussivo. Lo spettacolo si chiama Concerto e nel programma viene definito “performance”. Resta il dubbio di un'imposssibilità, quella di dare sostanza narrativa all'astrazione musicale, lambendo l'eccesso in mimiche facciali decise, in partiture gestuali marcatamente estroflesse. Dubbio molto ricco e accattivante, però, e soprattutto “divertente”.


Concerto di Dewey Dell

Il festival prosegue sabato 30 e domenica 31, invitando fra gli altri i lavori di Paola Bianchi e Alessandro Bedosti, ospitando la ripresa di Suite Michelangelo di Città di Ebla e i concerti di Cosmetic, Lada, Matita e organizzando momenti di confronto sotto l'egida dell'Italian Performance Platforn (a cura di Silvia Mei). Appuntamento conclusivo di pensiero è una tavola rotonda sulla Collezione Verzocchi (a cura di Davide Ferri) che indaga possibili risonanze attorno al tema del “lavoro” nei nostri giorni, viste attraverso le opere di quattro artisti contemporanei esposti in diversi luoghi di Forlì.

Programma completo, informazioni, biglietti e orari
www.cittadiebla.com
info@cittadiebla.com


di Lorenzo Donati


COMPAGNIE


IMMAGINI
 
     

FESTIVAL

marzo-maggio 2018
Planetarium
Osservatorio sul teatro ragazzi

14 - 22 ottobre 2017
Vie Festival 2017
Laboratorio di critica e giornalismo

giugno 2017
Futuri Maestri
Laboratorio Futuri giornalisti

28-31 ottobre 2016
Crisalide
Perché passi un po' di caos libero e ventoso

ottobre 2016
Vie Festival 2016
Arti sceniche internazionali e italiane

22 settembre - 2 ottobre 2016
Contemporanea Festival 2016
Le arti della scena

ottobre 2015
Vie Festival 2015
Arti sceniche internazionali e italiane

1-4 ottobre 2015
Crisalide
Non è successo niente, è ciò che stiamo diventando

25 settembre - 4 ottobre 2015
Contemporanea Festival 2015
Le arti della scena

Febbraio - aprile 2015
Nelle pieghe del Corpo
Virgilio Sieni, Bologna

ottobre 2014 - marzo 2015
Festival Focus Jelinek
Festival per città

9-25 ottobre 2014
Vie Festival 2014 Modena___Emilia
Arti sceniche internazionali

10 - 20 luglio 2014
Santarcangelo · 14
Festival internazionale del teatro in piazza

12 - 21 luglio 2013
Santarcangelo · 13
Festival Internazionale del Teatro in Piazza

aprile 2013
Pinocchio della non-scuola
Immagini a cura di Osservatorio Fotografico, note a margine su Pinocchio

5-13 ottobre 2012
Tempo Reale Festival
Ricerche musicali contemporanee

14 - 23 luglio 2012
SANTARCANGELO •12
Festival internazionale del teatro in piazza

Primavera 2012
Vie Scena Contemporanea Festival
Arti sceniche internazionali

Marzo 2012
BilBolbul 2012
fumetto, illustrazione, disegno

ottobre 2011
Vie Scena Contemporanea Festival
Teatro internazionale a Modena, Carpi, Vignola e limitrofi

Settembre 2011
Arca Puccini - Musica per combinazione
Rock indipendente italiano e internazionale