Email Facebook Twitter
NEWS

26/04/2018
Osservatorio sul festival Ipercorpo: aperte le iscrizioni


20/03/2018
Direction Under 30: aperto il bando per candidarsi


20/03/2018
Planetarium ai festival di teatro-ragazzi


19/03/2018
Teatro e giovani generazioni: un incontro-dibattito a Castelfiorentino


10/11/2017
Performing Gender: gran finale a Bologna


08/11/2017
Master in Imprenditoria dello spettacolo 17-18, Università di Bologna


07/11/2017
Con occhi nudi: un itinerario al femminile


05/11/2017
Lettera 22. Premio giornalistico nazionale di critica teatrale under 36


04/09/2017
Cornice Aperta. Aperitivo con gli artisti del Festival Danza Urbana


19/05/2017
Maggio all'infanzia, dal 17 al 21 maggio a Bari


04/05/2017
Ivrea Cinquanta – Mezzo secolo di Nuovo Teatro in Italia 1967 – 2017. Genova, 5-7 maggio


29/03/2017
Un teatro in mezzo ai campi: 8 aprile con le Ariette


24/03/2017
''La formazione del nuovo pubblico'': un convegno sabato 25 marzo ad Albenga


28/02/2017
“Comizi d’amore”, open call per registi/drammaturghi e attori under 35 di Kepler-452


11/01/2017
La cultura nell'economia italiana: il 13 gennaio un convegno a Bologna


05/12/2016
Impertinente Festival: il teatro di figura a Parma, dal 7 all'11 dicembre


07/10/2016
Master in imprenditoria dello spettacolo, Bologna, anno accademico 2016-2017


23/09/2016
Infanzia e città a Pistoia, dal 24 settembre al 5 novembre 2016


03/09/2016
Dalla Cultura alla Scuola: ''Cosa abbiamo in Comune'', il 7 settembre a Bologna


31/08/2016
Electro Camp – International Platform for New Sounds and Dance, a Forte Marghera dal 7 all'11 settembre


TWITTER

Download pdf


Vietato progettare. La formazione del pubblico in Italia.

Le recenti assegnazioni del Fondo Unico per lo Spettacolo vedono il progetto della nostra associazione, Crescere spettatori, escluso dai finanziamenti. Nel triennio 2015/2017 avevamo avuto accesso al finanziamento nell’articolo 43 del DM 1 luglio 2014, nei progetti di “promozione” e nello specifico nel comma dedicato alla “formazione del pubblico”. Nei tre anni precedenti avevamo sviluppato un progetto articolato in numerosi laboratori di educazione allo sguardo con studenti e studentesse delle scuole secondarie di primo e secondo grado, accompagnati da seminari di formazione per insegnanti, da un monitoraggio sviluppato su base sociologica attorno ai risultati e gli impatti del progetto (in collaborazione con l’Università di Urbino); abbiamo organizzato una serie di convegni, incontri, seminari sul territorio nazionale: da Messina a Palermo, da Bologna a Foligno, con l’intento di allargare una domanda di fondo: di che cosa parliamo quando parliamo di formazione del pubblico? Abbiamo lanciato un’inchiesta su scala nazionale, che avevamo in mente di portare a termine nell’arco del 2018. Abbiamo chiamato a raccolta artisti, operatori, sociologi, antropologi attorno alla necessità di un’educazione alla visione. I risultati di questi incontri sono diventati e diventeranno pubblicazioni che speriamo possano essere utili al mondo del teatro in generale, perché è grazie alle domande sul proprio operato che si progredisce collettivamente. Noi siamo convinti dell’esigenza della mediazione: condividere le proprie persuasioni, incontrare altri che possano riconoscerle, essere un po’ meno pochi. Come si debba mediare è la grande domanda da porsi oggi e nei prossimi anni, sfida al centro non a caso di importanti ricerche di settore. La nostra scommessa, nel triennio 15/17 era stata porci tale domanda sul campo, a contatto con i giovani delle scuole, per riportare qualche esito in contesti specialistici capaci di indicare delle possibili direzioni. Siamo convinti dell’esigenza della mediazione, ma abbiamo poche risposte alle domande sul “come”: come si resta spettatori allenando la visione? Quali strumenti servono? Come non “spiegare” l’arte? Come, al contempo, allargarne la portata? Come porsi una domanda sulla nostra rilevanza sociale, misurando l’efficacia delle risposte nel lavoro con i giovani? Abbiamo fatto questo, negli anni precedenti, e per toccare qualche ipotesi di risposta avremmo avuto bisogno di almeno altri tre anni. Siamo rimasti sorpresi e tramortiti dalla nostra esclusione, anche considerando il punteggio estremamente basso che ci ha assegnato la commissione di valutazione (55), a fronte di un progetto che solo un anno prima otteneva oltre 70 punti. C’erano tante nuove domande, afferenti anche a pratiche e orizzonti culturali diversissimi, ma perché un progetto che rappresenta la prosecuzione e il potenziamento di un percorso già finanziato è stato valutato in maniera così differente a distanza di un solo anno? 
Al di là del nostro specifico caso, va detto che il settore definito “promozione” del DM dovrebbe fotografare una vitalità che gli altri articoli non riescono a segnalare: realtà piccole, progetti atipici, difficilmente incasellabili nelle tipologie legate a produzione e circuitazione. Si parla infatti di inclusione sociale, perfezionamento professionale, ricambio generazionale e formazione del pubblico. Progetti forse capaci di innovare per davvero, di segnare piccole strade che poi il sistema, nei suoi gangli più strutturali, potrà recepire e integrare. Ci pareva questa una bella novità del DM 1 luglio 2014, ma se questo può essere lo spirito, che senso ha imporre un numero chiuso di soli 20 progetti? Se fra le altre cose si invoca il “ricambio generazionale”, perché proprio questo articolo, a differenza degli altri, ha una limitazione così forte e a fronte di risorse davvero così scarse?
Da questo esito ci pare esca anche ridimensionata una delle nostre battaglie sulle quali ci siamo più spesi negli ultimi anni. Sia chiaro: non deporremo le armi, ma certamente diventerà tutto più difficile. Si tratta di pensare che la critica abbia tutte le carte in regola per assumersi la titolarità dei processi di audience development, formazione del pubblico e in generale di mediazione culturale. Per noi la critica non può più solo "scrivere recensioni", ma deve alimentare una cultura teatrale, spendersi per dare forza al teatro in cui crede. Una critica che prende parte, si innamora, si lamenta, piange, ride e si fa male. Una critica che quando è brava produce visioni di teatro. Una critica che incontra, discute, porta il teatro nelle scuole, dentro al giornalismo, nelle università... restando “pensiero critico”. Questa è la scommessa che abbiamo portato avanti negli ultimi anni. Organizzando miriadi di incontri, alcuni convegni, molti dibattiti... insomma provando a creare contesti, mettendoci costantemente in discussione, alimentando i dubbi sul lavoro nostro e di tutti. Non che la critica sia l’unica che possa dotare la formazione del pubblico di un peso culturale, ma certamente non deve starne fuori, perché per immaginare percorsi complessi ci vogliono voci molteplici: dal managament culturale alla progettazione, dalla comunicazione al marketing, dall’educazione all’economia della cultura. Avevamo creduto che la critica potesse fungere da “meta-disciplina” in grado di fare convergere queste e altre prospettive all’interno di processi densi e di lunga gittata. Siamo convinti di non sbagliarci, ma da oggi siamo un po’ più soli.
È chiaro che per mettere in atto questi processi ci vuole anche un nuovo pensiero professionale, serve cercare di dare nuovi contorni a una professione che non esiste più, strutturandosi come critici che mediano, divulgano e testimoniano. Ci abbiamo provato, insieme ad altre realtà con le quali abbiamo condiviso intenti e progetti (ateatro, Il Tamburo di Kattrin, Fattiditeatro, Stratagemmi, Teatro & Critica, fra le tante, raccolte anche nel raggruppamento “Rete critica”). Ci stavamo provando anche con l’impulso dei diciannovemila euro di finanziamento annui, che per noi corrispondono alla semplice ma decisiva possibilità – assieme ai contributi di Comune di Bologna, Regione Emilia-Romagna e Fondazioni bancarie – che le persone che lavorano vengano pagate e che ci sia una struttura organizzativa essenziale composta da almeno due persone, struttura che adesso dovrà fare i conti con uno zero. In pratica il Mibact ha investito delle risorse per tre anni, risorse di tutti, su un progetto che per stare in piedi ha innescato una crescita organizzativa e di governance oggi azzoppata.
Siamo convinti che il “sale” del teatro italiano sia spesso rappresentato da realtà piccole, fragili, inclassificabili, ai margini e radicali. È compito del Mibac dotarsi degli strumenti adeguati per sostenere tutto questo.


di Altre Velocita'
         

FESTIVAL

marzo-maggio 2018
Planetarium
Osservatorio sul teatro ragazzi

14 - 22 ottobre 2017
Vie Festival 2017
Laboratorio di critica e giornalismo

giugno 2017
Futuri Maestri
Laboratorio Futuri giornalisti

28-31 ottobre 2016
Crisalide
Perché passi un po' di caos libero e ventoso

ottobre 2016
Vie Festival 2016
Arti sceniche internazionali e italiane

22 settembre - 2 ottobre 2016
Contemporanea Festival 2016
Le arti della scena

ottobre 2015
Vie Festival 2015
Arti sceniche internazionali e italiane

1-4 ottobre 2015
Crisalide
Non è successo niente, è ciò che stiamo diventando

25 settembre - 4 ottobre 2015
Contemporanea Festival 2015
Le arti della scena

Febbraio - aprile 2015
Nelle pieghe del Corpo
Virgilio Sieni, Bologna

ottobre 2014 - marzo 2015
Festival Focus Jelinek
Festival per città

9-25 ottobre 2014
Vie Festival 2014 Modena___Emilia
Arti sceniche internazionali

10 - 20 luglio 2014
Santarcangelo · 14
Festival internazionale del teatro in piazza

12 - 21 luglio 2013
Santarcangelo · 13
Festival Internazionale del Teatro in Piazza

aprile 2013
Pinocchio della non-scuola
Immagini a cura di Osservatorio Fotografico, note a margine su Pinocchio

5-13 ottobre 2012
Tempo Reale Festival
Ricerche musicali contemporanee

14 - 23 luglio 2012
SANTARCANGELO •12
Festival internazionale del teatro in piazza

Primavera 2012
Vie Scena Contemporanea Festival
Arti sceniche internazionali

Marzo 2012
BilBolbul 2012
fumetto, illustrazione, disegno

ottobre 2011
Vie Scena Contemporanea Festival
Teatro internazionale a Modena, Carpi, Vignola e limitrofi

Settembre 2011
Arca Puccini - Musica per combinazione
Rock indipendente italiano e internazionale