HOME | CHI SIAMO | COMPAGNIE | COLLABORAZIONI | LINK
Email Facebook Twitter
NEWS

29/03/2017
Un teatro in mezzo ai campi: 8 aprile con le Ariette


24/03/2017
''La formazione del nuovo pubblico'': un convegno sabato 25 marzo ad Albenga


28/02/2017
“Comizi d’amore”, open call per registi/drammaturghi e attori under 35 di Kepler-452


11/01/2017
La cultura nell'economia italiana: il 13 gennaio un convegno a Bologna


05/12/2016
Impertinente Festival: il teatro di figura a Parma, dal 7 all'11 dicembre


07/10/2016
Master in imprenditoria dello spettacolo, Bologna, anno accademico 2016-2017


23/09/2016
Infanzia e città a Pistoia, dal 24 settembre al 5 novembre 2016


03/09/2016
Dalla Cultura alla Scuola: ''Cosa abbiamo in Comune'', il 7 settembre a Bologna


31/08/2016
Electro Camp – International Platform for New Sounds and Dance, a Forte Marghera dal 7 all'11 settembre


26/07/2016
Sulla scena. Gli Asini n. 33-34, maggio/agosto 2016


07/07/2016
Il convegno ''Performing, Writing'': Wellington, Nuova Zelanda, marzo 2017


09/06/2016
La Meglio Gioventù: il centro estivo e i laboratori di Angelo Mai e Teatro delle Albe


01/06/2016
La letteratura per ragazzi e l’albo illustrato: tre giorni a cura di Hamelin, 24-26 giugno a Monte Sole


25/05/2016
Praxis scuola di filosofia, “Tecnica e vita”, 28-29-30 luglio 2016, Forlì


11/05/2016
Il Play Fight Camp di Bruno Caverna, un corso residenziale dal 19 al 29 giugno ad Arezzo


06/05/2016
La ''Giornata del Funaro per il Teatro'' e l'apertura dell'Archivio Teatrale Andres Neumann. 7 maggio 2016 a Pistoia


05/05/2016
Patahappening: il Patalogo, il teatro, l'editoria. 11 maggio 2016 a Bologna


22/04/2016
"Per un teatro d’impresa", un corso sull'organizzazione dello spettacolo dal vivo. Teatro dell’Orologio, novembre 2016 - maggio 2017


16/04/2016
"One Step Beyond: Inter-cultural dialogue": call per performance per il 19° Congresso mondiale dell'Assitej, Città del Capo, 17-27 maggio 2017


09/04/2016
Costruire un corpo che danza: un ciclo di seminari intensivi sul movimento a Tuscania, dal 12 luglio al 20 agosto 2016


TWITTER

Download pdf
Feed RSS
NEWS
09/04/2016
Costruire un corpo che danza: un ciclo di seminari intensivi sul movimento a Tuscania, dal 12 luglio al 20 agosto 2016

Costruire un corpo che danza: un ciclo di seminari intensivi sul movimento a Tuscania, dal 12 luglio al 20 agosto 2016

Prendersi del tempo per studiare e scoprire, per esplorare e sentire. A Tuscania (Viterbo), tra luglio e agosto 2016, Silvana Barbarini insieme alla sua associazione Vera Stasi organizza otto proposte seminariali, ciascuna della durata di una settimana, per danzatori, attori, performer, pedagoghi del movimento e per chiunque voglia entrare in contatto con la parte sottile, armonica e creativa del proprio essere e con gli insegnamenti di grandi maestri del lavoro sul corpo-mente del Novecento.
Si inizia dal 12 al 16 luglio, dalle 9 alle 13 (solo martedì 12 dalle 16 alle 20), con il percorso di “Riequilibrio muscolare” secondo il Metodo Monari, un metodo basato sugli insegnamenti di Françoise Mézières che mira a sciogliere le rigidità nella struttura muscolare, in particolare della catena posteriore, liberando la colonna vertebrale da dolori e affaticamenti. Il seminario è a cura di Paola Manzini, psicomotricista e insegnante di ginnastiche dolci.   
Dal 18 al 23 luglio, dalle 6 alle 10 e dalle 16 alle 20, Claude Coldy condurrà un’esperienza di Danza Sensibile® in natura. Questo celebre metodo, frutto dell’incontro del danzatore e coreografo con una coppia di osteopati francesi, invita a entrare in ascolto della propria dimensione profonda, allena all’attenzione ai messaggi del corpo e a vivere nel momento presente, danzando quella trama sottile che nasce dall’intreccio tra movimento interno ed esterno, sensazioni e potenzialità.
Contemporaneamente, dal 19 al 23 luglio, l’artista Ursula Stricker propone “Placement, Ideokinesi, Danza”, dalle 9 alle 13, un approccio olistico, creativo e meditativo al movimento e all’allineamento del corpo che la Stricker costruisce unendo diverse discipline per conoscere e abitare il corpo, rispettandone l’anatomia e le leggi naturali.
Dal 25 al 30 luglio, ancora, Dominique Dupuy presenta “Una danza di dentro”, pelle, scheletro, respiro e peso per esplorare l’“emotilità”, l’emozione e il movimento, nel piacere dell’istante. Le lezioni del mattino, dalle 9 alle 13, sono rivolte a tutti coloro che si dedicano all’arte del movimento nelle sue molteplici forme. Nel pomeriggio avrà luogo un laboratorio coreografico a partire dalle proposte dei partecipanti, sotto lo sguardo dello stesso Dupuy. 
Dall'1 al 6 agosto “Danza e arti marziali: elementi di Kinomichi”, a cura di Enrico Tedde, dalle 9 alle 13. Il Kinomichi, arte marziale che si sviluppa a partire dall’Aikido, permette di entrare in comunicazione con l’altro e con la propria energia per liberarla, gestirla in maniera efficace e sviluppare maggiore capacità di ascolto.
Negli stessi giorni, ma al pomeriggio, dalle 16 alle 20, Virginia Heinen propone “La danza tedesca: l’insegnamento di Jean Cébron”, un lavoro tecnico e di improvvisazione secondo il metodo Jooss-Leeder, basato sui principi di Rudolph Laban e sviluppato da Jean Cébron. Nel seminario si esploreranno le diverse qualità di movimento attraverso la loro relazione con l’energia, il tempo e lo spazio, per evidenziarne i contrasti e rendere più leggibile ogni gesto danzato. Lo studio sulla mobilità del torso e delle braccia, così tipico dell’espressività della danza tedesca, sarà approcciato anche secondo i principi del Kinomichi, in una dialettica perpetua tra tensione e suo rilascio.
Dall’8 al 20 agosto, infine, una full immersion di due settimane propedeutica a un percorso di formazione che si svilupperà nel corso del 2016 e 2017, in “PMD-Présence, Mobilité, Danse”, a cura di Hervé Diasnas e Valerie Lamielle, dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 18. Diasnas, artista e pedagogo fuori dalla norma, per vent’anni ha condotto una ricerca in ambiente acquatico; da questa esperienza è nato un training unico, capace di sviluppare sia l’abilità tecnica che il potenziale energetico del danzatore, unendo lavoro interno (visualizzazione e circolazione dell’energia) e lavoro esterno, ovvero pratiche particolarmente dinamiche attuate sia con l’aiuto di strumenti (il legno) che della presenza degli altri.

Il termine delle iscrizioni è previsto 20 giorni prima dell’inizio di ciascun seminario.

Informazioni e iscrizioni
www.progettiperlascena.org
barbarini.verastasi@gmail.com